Seguici su

Cerca nel sito

Bilancio del primo anno di governo, il Sindaco di Formia: “Amministrare una città significa pianificare il futuro”

Tempo non solo di bilanci ma di novità: Formia ha stipulato il primo contratto di fiume, con Spigno e Minturno, per il rio Capodacqua/S. Croce.

Formia – “È stato un anno difficile, molto complicato. Al nostro insediamento abbiamo trovato una macchina amministrativa depauperata, per quanto riguarda le personalità. Circa 70 dipendenti erano andati in pensione ed erano stati rimpiazzati meno della metà.”

Il Sindaco di Formia, Paola Villa, commenta così, in conferenza stampa – che si è tenuta stamattina, in Sala Sicurezza, alla presenza dell’assessore alle Opere pubbliche Pasqualino Forte e del neo assessore alle politiche ambientali Orlando Giovannone – il suo primo anno di amministrazione che si è appena concluso. Chiarendo che sì, su alcune cose – manutenzione in primis – sono ancora in ritardo, ma che nessuna area della città è stata abbandonata, anzi, al contrario, nonostante i numerosi debiti fuori bilancio – che attualmente sono circa 350mila euro – si sta lavorando per avere un sistema che funziona.

E, proprio in quest’ottica, presenta la novità: il primo contratto di fiume stipulato insieme al Comune di Minturno e di Spigno per quanto riguarda il rio Capodacqua/ S. Croce, che serve, non solo, a individuare – con l’ausilio di Capitaneria di porto e Acqualatina – eventuali scarichi abusivi, ma anche a  prendere consapevolezza e a pianificare proprio la tutela di quel fiume che, se attenzionato a dovere, potrebbe “regalare” a Formia finalmente la gioia della bandiera blu.

Seguendo quel “fil rouge” tematico, il Sindaco ha poi voluto sottolineare l’importanza della sinergia che si sta cercando di creare tra i Comuni del sud pontino e del nord casertano – Cellole e Sessa Aurunca, per la precisione – affinché due province di 2 regione diverse, abbiano finalmente risposte e dati chiari ,su quanto accade alla foce del Garigliano, sia dagli Enti competenti che dalle associazioni di categoria.

Ma, dato che per il sindaco “amministrare una città significa pianificare il futuro”, in conferenza sono state annunciate altre piccole novità, che si preannunciano come delle vere e proprie rivoluzione per quanto riguarda non solo lo snellimento degli uffici, ma anche il contatto diretto con chi a Formia ci abita.

Dalla prossima settimana Formia avrà uno “sportello al cittadino”, il cui obiettivo è quello di avere un feedback da parte dei residenti su eventuali problematiche non risolte con Acqualatina – le prime segnalazioni andranno comunque fatte direttamente al gestore -, sull’assenza e/o inefficienza di illuminazione pubblica, decoro urbano, segnaletica etc… Il tutto, oltre che di persona, potrà avvenire anche tramite mail e un numero whatsapp apposito.

E, ancora, fa sapere il Sindaco, presto sarà attivo “Sindaci in contatti”, il numero verde – 800 973267 – per avere in tempo reale informazioni su urgenze, emergenze ed eventi, un sistema sponsorizzato da anni dall’Anci, a cui tutti potranno accedere e, in più, comunicare anche il gradimento delle iniziative comunali.

Infine, il Sindaco ha affrontato uno dei temi caldi di questi ultimi giorni: la situazione di Acqualonga, che, come ricorda il comitato civico di quartiere, diventa un incrocio sempre più pericoloso – sei incidenti solo dall’inizio dell’estate. – “In merito, abbiamo già inviato 3 lettere all’Anas, affinché chi di dovere possa non solo venire a visionare la zona, ma anche sedersi ad un tavolo tecnico comune, dove fare proposte e trovare soluzioni.

Quella dell’Acqualonga, come quella del Castello di Gianola o del ponte di Penitro – ha concluso il Sindaco – non è una battaglia solo nostra, non conosce colore politico, per questo, qualunque forza comunale, provinciale e regionale voglia sedersi al tavolo con noi sarà la benvenuta.

(Il Faro on line)