Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, murales della discordia: Di Pillo conferma “Fondi dalla Cultura del Municipio”

La maggioranza nega la votazione del documento che chiede il blocco di fondi pubblici per un nuovo murales. Nessun chiarimento sulle procedure

Ostia – Un nuovo murales della legalità finanziato dal X Municipio: la presidente Giuliana Di Pillo conferma l’erogazione dei fondi ma non spiega con quali procedure. E il documento dell’opposizione che chiede di bloccare l’iter non viene portato alla votazione del Consiglio.

murale ostia

Botta e risposta questa mattina in Consiglio Municipale tra Monica Picca, capogruppo della Lega, e Giuliana Di Pillo, presidente M5S del X Municipio, riguardo alla decisione annunciata dalla mini-sindaca di finanziare un nuovo “murales della legalità“. La consigliera d’opposizione ha chiesto a Di Pillo di riferire in aula i dettagli del provvedimento. “Il murales della legalità, con i volti che sono stati cancellati nel precedente dipinto, si farà con i fondi destinati alla Cultura per il X Municipio – ha chiarito Di Pillo, confermando quanto anticipato in questo articoloE’ passata l’idea che il Municipio sia intervenuto con un’azione di censura: vogliamo smentire questo e mi sono presa personalmente la responsabilità della decisione. Partiremo dai volti cancellati. L’intenzione di dipingere murales nella città è nel nostro programma di governo e per questo si farà“. (Nel video di copertina la registrazione dell’intervento di Giuliana Di Pillo).

Alla domanda su quali procedure si intendano adottare (affidamento diretto, bando di gara, somma urgenza ecc) non c’è stata risposta.

E’ un’ammissione di colpa della Presidente del municipio – ribatte Monica Picca – Un’ammissione che dimostra quanto la loro incoscienza sia equivalente alla loro incapacità . Decidono di riparare ad un errore con soldi pubblici solo per riprendersi consensi che hanno perso anche a causa di questo ‘pasticciaccio’ . Non siamo mai entrati nel merito dei volti raffigurati ma non è possibile che un Presidente faccia dichiarazioni e prenda decisioni sulle spalle dei cittadini e sulle spalle anche di chi rappresenta l’opposizione. Abbiamo chiesto di portare alla votazione il nostro documento in cui chiedevamo di bloccare ogni iter che utilizzi fondi pubblici per il rifacimento di un nuovo murale in sostituzione di quello di prima ma ci è stato impedito. Andremo avanti attenzionando questo comportamento con gli organi competenti, perché è non è accettabile un comportamento così antidemocratico che va avanti ormai da quasi due anni“.

Una città in ginocchio che dovrebbe essere governata e invece da settimane parliamo di un murale che è diventato oggetto di mille polemiche semplicemente per incapacità della maggioranza a Cinquestelle – aggiunge Andrea Bozzi, capogruppo civico delle liste “Ora” e “Un Sogno Comune” – Prima non hanno controllato la vicenda, poi hanno fatto cancellare l’opera ed ora la Presidente Di Pillo annuncia che però la faranno rifare, ma con i soldi della Cultura del Municipio. Ma il capogruppo Di Giovanni la smentisce subito dopo, dicendo che non si useranno soldi pubblici. Difficile trovare una logica, se non quella dell’incapacità e dell’improvvisazione. Ci sarebbe da ridere se il declino del nostro Municipio non continuasse giorno dopo giorno, mentre in Municipio la maggioranza gioca a togli il murale, metti il murale, riuscendo a scontentare tutti. Tutto ciò è avvilente“.