Seguici su

Cerca nel sito

Abc, cimitero e Tpl, Cisl Latina: “Fare bene, fare subito”

Cecere: “Siamo fiduciosi, ma il comune di Latina per prima cosa deve combattere l’evasione fiscale".

Latina – Presso il Palazzo Comunale di Latina si è svolto l’incontro tra il Sindaco di Latina Damiano Coletta e le Organizzazioni Sindacali Cisl,Cgil e Uil rispettivamente nelle persone di Roberto Cecere, Dario D’Arcangelis e Carla Pucci.

Presenti al tavolo anche Emilio Ranieri – Assessore a Decoro, Manutenzioni e Patrimonio, Lavori pubblici – Roberto Lessio – Assessore all’Ambiente e Politiche energetiche – Francesco Castaldo – Assessore al Governo del Territorio e Mobilità.  Oggetto dell’incontro temi importanti quali “Abc” – Azienda Bene Comune – (ex Latina Ambiente), “Cimitero” e Trasporto Pubblico.

Questioni che negli ultimi anni hanno generato disservizi e lamentele da parte della cittadinanza, ma quello che è emerso dal confronto fa ben sperare, infatti per quanto concerne l’Azienda Abcil piano industriale che sarà approvato lunedì prossimo dal Consiglio Comunale, prevede l’estensione sul tutto il territorio comunale del sistema di raccolta   “porta a porta” che prevede a regime l’impiego di 209 unità lavorative, 45 in più rispetto al personale assorbito dalla gestione della fallita Latina Ambiente.

Inoltre si apprende che dovrebbe arrivare dalla Cassa depositi e Prestiti un finanziamento di 12 milioni diviso in due tranche, la prima di 8 milioni e la seconda di 4 milioni, somme destinate all’acquisto di automezzi e attrezzature per implementare il servizio. Roberto Cecere – Segretario Generale della Cisl di Latina ha commentato: “Siamo fiduciosi, ma il comune di Latina per prima cosa deve combattere l’evasione fiscale, mi riferisco alla riscossione della Tari, parliamo di un 40% di evasori totali.

Incrociando le banche dati comunali con quelle dell’Agenzia delle Entrate, potremmo abbattere questa percentuale. Immaginate cosa potremmo fare se la comunità recuperasse queste somme, quanti progetti potrebbero essere implementati e finalmente usufruire di servizi di qualità” Per quanto riguarda la questione “Cimitero” l’obiettivo è di verificare insieme alle parti sociali e alle Associazioni dei Consumatori, la possibilità di modificare il piano economico e nello specifico della durata delle concessioni di sepoltura (determinate dai precedenti contratti) e integrarlo con la realizzazione del Crematorio, che amplierebbe l’offerta dei servizi ai cittadini.

“Purtroppo i contratti stipulati nel passato, che hanno di fatto modificato la durata delle sepolture a 30 anni, quando di norma fa fede la data dell’atto di morte, non sono mai stati impugnati e ora si devono percorre tutte le vie per riportare alla normalità questo servizio”. Per quanto riguarda il Trasporto Pubblico il confronto si è incentrato sull’alto tasso di assenteismo del personale in buona parte dovuto a malattia che verrà gestito a seguito della revisione del contratto, nella fase di contrattazione di secondo livello.

Conclude Roberto Cecere:” Siamo tenuti tutti a maturare una nuova concezione di servizio pubblico, che con responsabilità deve essere gestito ed erogato in regime ottimale alla comunità. Purtroppo oggi paghiamo il prezzo di gestioni scellerate e siamo costretti nella migliore delle ipotesi a cercare di riformulare quei contratti capestro”.