Seguici su

Cerca nel sito

Civitavecchia, movida stupefacente sul lungomare: arrestato ristoratore-pusher

Nell'abitazione del ristoratore trovati circa 1 chilo di cocaina, 1 bilancia elettronica di precisione, 239,97 grammi di mannitolo

Civitavecchia – Nella serata di ieri, nell’ambito di un servizio straordinario di controllo del territorio svolto dalla Polizia di Stato insieme alla locale Polizia Municipale, finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati in materia di stupefacenti, soprattutto nelle zone interessate dalla movida serale, gli investigatori della Polizia di Stato hanno arrestato, in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, un 57enne civitavecchiese, titolare di un noto ristorante sul lungomare.

Mentre procedevano al controllo amministrativo del locale, gli agenti del commissariato Civitavecchia, diretto da Paolo Guiso, hanno deciso di effettuare un’ispezione più accurata dei luoghi, attenzionando soprattutto il titolare che aveva un atteggiamento piuttosto nervoso.

Perquisito dai poliziotti, all’interno dei pantaloni l’uomo nascondeva 3 involucri di cellophane, contenti cocaina e 2.890,00 euro in banconote di vario taglio, mentre all’interno del locale sono stati rinvenuti 4 “pezzi “di droga, pari ad 8,31 grammi di hashish, e nella sua abitazione circa 1 chilo di cocaina, 1 bilancia elettronica di precisione, 239,97 grammi di mannitolo, solitamente utilizzato per “tagliare” la droga, e tutto il materiale per il confezionamento delle dosi. Lo stupefacente, una volta lavorato, avrebbe fruttato all’interessato guadagni pari a circa 300/400 mila euro.

Informata l’Autorità Giudiziaria, il Pm di turno della Procura della Repubblica di Civitavecchia ha disposto che l’uomo venisse arrestato e portato in carcere a sua disposizione per gli ulteriori sviluppi investigativi.

(Il Faro online)