Seguici su

Cerca nel sito

Crisi di governo, Salvini a Conte: “La maggioranza non c’è più, ora al voto” foto

Il leader della Lega: "Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici"

Roma – Ore di tensione altissima nel governo con la situazione che sembra precipitare, scambi di accuse tra gli alleati della maggioranza e la Lega che evoca esplicitamente le elezioni. Nel pomeriggio un vertice a Palazzo Chigi tra il premier, Giuseppe Conte, e il vicepremier Matteo Salvini.

“Andiamo subito in Parlamento per prendere atto che non c’è più una maggioranza, come evidente dal voto sulla Tav, e restituiamo velocemente la parola agli elettori”. Lo scrive in una nota Salvini.

Inutile andare avanti a colpi di NO e di litigi, come nelle ultime settimane, gli Italiani hanno bisogno di certezze e di un governo che faccia, non di ‘Signor No’. Non vogliamo poltrone o ministri in più, non vogliamo rimpasti o governi tecnici: dopo questo governo (che ha fatto tante cose buone) ci sono solo le elezioni”, aggiunge il vicepremier.

Sono tranquillo, stiamo lavorando per il Paese. Ci sono dei colloqui in corso ma io sono pagato per lavorare per gli italiani”. Lo sottolinea Luigi Di Maio interpellato dai cronisti nei pressi di Palazzo Chigi. Di Maio è uscito alcuni minuti per andare a prendere un caffè in un bar nelle vicinanze. A chi gli chiede di un’eventuale parlamentarizzazione della crisi Di Maio replica: “non ragiono con i “se”“.

Giornata difficile? “Ma no, ripeto io sono tranquillo e sono al lavoro. Più tardi vado al compleanno di mio fratello, tra l’altro sarà una festa plastic free”, aggiunge poi Di Maio interpellato dai cronisti nei pressi di Palazzo Chigi. E Di Maio, rivolgendosi ai giornalisti, sottolinea: “vi ringrazio per il lavoro che fate, mi dispiace che vi stiamo rovinando qualche giorno di ferie“.

“Siamo pronti alla sfida. Nelle prossime elezioni non si deciderà solo quale governo ma anche il destino della nostra democrazia, della collocazione internazionale del nostro Paese. Il Pd chiama a raccolta tutte le forze che intendono fermare idee e personaggi pericolosi. Da subito tutti al lavoro,insieme,per fare vincere l’Italia migliore”. Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Conte ha visto questa mattina il Capo dello Stato. Si è trattato di un colloquio informativo per fare il punto della situazione. Non si è quindi parlato di apertura di crisi e tanto meno di dimissioni del premier. Sono fonti leghiste a sottolineare che Salvini è contrario a ogni ipotesi di rimpasto, in qualsiasi forma.

(Il Faro online)