Seguici su

Cerca nel sito

L’Italvolley alle Olimpiadi, Juantorena: “Complimenti a tutti, ci vediamo a Tokyo”

Uno dei grandi di questo torneo preolimpico Juantorena. Suo il punto decisivo per la qualifica a Cinque Cerchi. Camerun, Australia e Serbia. Tre vittorie targate sogno olimpico

Il Faro on line – Una gioia senza fine quella degli azzurri. Dodicesima qualifica olimpica nella storia della pallavolo. Dopo quella femminile ecco quella maschile a strappare il pass a Cinque Cerchi.

Davanti ai più 5000 spettatori del PalaFlorio di Bari, l’Italia di Coach Blengini si aggiudica il Preolimpico e realizza il sogno. Quello più grande di tutti : tra un anno Olimpiadi di Tokyo 2020. Una partita vinta con assoluta classe e talento sopraffino per uno dei sestetti tricolori più forti nella storia del volley maschile.

3 a 0 sulla Serbia, che solo un anno fa aveva eliminato gli azzurri dal Mondiale italiano. Rivincita allora. Su tutti i fronti e per la competizione internazionale più bella. Camerun, Australia e Serbia. Avversarie battute sul campo e di netto. Risultati che fanno la pallavolo italiana ancora più grande.

Di seguito le dichiarazioni dei protagonisti, come riportato da federvolley.it :

GIANLORENZO BLENGINI: “Andiamo alle Olimpiadi! Ce lo diciamo da tanto tempo, era il nostro obiettivo attorno al quale girava la nostra estate. Siamo pieni di soddisfazione, siamo orgogliosi di noi stessi. Stasera ci godiamo la nostra vittoria e da domani mattina inizieremo a pensare a come proseguire. Siamo stati molto bravi a resistere nel terzo set perché le onde delle emozioni in queste partite sono dietro l’angolo. Abbiamo retto mentalmente, credo abbiamo fatto una partita non solo di grande volontà e aggressività, ma anche di testa”.

MASSIMO COLACI: “il palazzetto era bellissimo e carichissimo, eccezionale tutto, vincere davanti a mia moglie i miei figli la mia famiglia, il gusto che ti dà la qualificazione all’Olimpiade è qualcosa d’incredibile. Per un’europea è veramente tosta qualificarsi perché ci sono tante squadre fortissime, poi a gennaio sarebbe stato ancor più complicato, questa era la nostra occasione e ci siamo meritati il biglietto per Tokyo 2020. Questo ciclo non è finito, possiamo fare di più, a questa nazionale manca una medaglia gialla da troppo tempo, indipendentemente dalla competizione, questo è il nostro grande obiettivo, non vogliamo mollare prima di raggiungerlo, ce la metteremo tutta”.

OSMANY JUANTORENA: “Non credevamo di poter vincere 3 a 0, la Serbia è una grande squadra, era più riposata, mentre noi eravamo reduci da una lunga battaglia con l’Australia, quindi le energie erano poche, ma ci abbiamo messo il cuore e ci siamo presi il pass olimpico. Abbiamo vinto questo torneo, l’obiettivo era questo e sono contentissimo, complimenti a tutti noi, a tutti i tifosi italiani, a Bari, a chi ci ha seguito da casa, ci vediamo a Tokyo!”.

Foto : Galbiati/Fipav