Seguici su

Cerca nel sito

Contratti di lavoro all’aeroporto di Fiumicino, nuovo botta e risposta tra Poggio e Anselmi

La vicepresidente del Consiglio comunale all'assessore al Lavoro: "Il suo ruolo è creare lavoro trovando al tempo stesso soluzioni per garantire la sicurezza e mitigare l'inquinamento acustico senza distruggere quel poco di occupazione che ancora c'è"

Fiumicino – “Ora riguardo il mio intervento sulla coesistenza dell’aeroporto con il nostro territorio (leggi qui), faccio mea culpa per aver tentato di portare il discorso un po’ oltre la propaganda di questa maggioranza. E di questo chiedo scusa all’assessore con delega al lavoro Anselmi“.

Così Federica Poggio, vicepresidente del consiglio comunale di Fiumicino (Lega-Salvini), controreplica alle dichiarazioni dell’assessore Anselmi (leggi qui), aggiungendo: “Chiudere la pista numero uno, diminuire i voli su Fiumicino e cacciare le compagnie dal Leonardo Da Vinci come auspicato dalla sua maggioranza agitando in maniera un pochino strumentale concetti come la sicurezza e l’inquinamento acustico, avrà come conseguenza il ridimensionato dell’aeroporto e l’ulteriore licenziamento di migliaia di persone”.

Se questa proposta arriva a caldo da un cittadino arrabbiato dopo l’incidente di sabato (leggi qui) ci sta. Se arriva da un cittadino esasperato dall’inquinamento acustico pure. Se invece arriva da un assessore al lavoro allora c’è da preoccuparsi. Perché – dice la Poggio – il suo ruolo è creare lavoro trovando al tempo stesso soluzioni per garantire la sicurezza e mitigare l’inquinamento acustico senza distruggere quel poco di occupazione che ancora c’è“.

Non devo difendere io il collega De Vecchis al Senato. Però le ricordo solo una cosa. La Lega è al Governo da 14 mesi. I suoi ‘compagni’ comunisti invece dal 1947. Dopo 72 anni di sfaceli accusarci di non aver fatto nulla è un tantinello surreale. Noi abbiamo le idee molto chiare su come rivoluzionare l’Italia. Abbiamo solo un problema, si chiama Pd e Leu che stanno facendo di tutto per tenersi stretta la poltrona”.

(Il Faro online)