Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, muore sulla spiaggia libera: senza defibrillatore soccorso inutile

Soccorsi inutili per un uomo di 50 anni: sulla spiaggia libera non c'era il defibrillatore

Ostia – Soccorsi inutili per un uomo morto per incidente cardiovascolare sulla spiaggia libera. L’assenza di un defibrillatore ha reso più complesse le operazioni di soccorso nonostante lo sforzo dei marinai di salvataggio.

È accaduto oggi, domenica 18 agosto, sulla spiaggia libera di piazza Scipione l’Africano. Intorno alle 13.40 un uomo sui 50 anni d’età è  stato colto da malore mentre era in acque basse.

Gli assistenti bagnanti hanno subito tratto a riva il malcapitato e immediatamente è scattata la richiesta di pronto intervento da parte delle ambulanze Ares 118 mentre i marinai di salvataggio hanno iniziato da subito le pratiche rianimatorie con un prolungato massaggio cardiaco.

L'arrivo del defibrillatore con l'ambulanza ma ormai era troppo tardi

L’arrivo del defibrillatore con l’ambulanza ma ormai era troppo tardi

Purtroppo la gravità delle condizioni hanno richiesto l’uso urgente di un defibrillatore, assente sulla spiaggia comunale. Qualcuno ha cercato l’apparecchio anche nel vicino stabilimento balneare, ricerca risultata vana.

All’arrivo dell’ambulanza, dotata di defibrillatore, purtroppo il personale sanitario ha potuto solo constatare il decesso. La salma è stata messa a disposizione dell’autorità giudiziaria per l’esame autoptico: non è detto che con l’ausilio del defibrillatore il paziente potesse essere salvato ma resta l’incognita. Il cadavere, appartenente a un uomo di circa 50 anni, razza caucasica,  attende il riconoscimento da parte dei parenti per l’identificazione. Sul posto anche i carabinieri per gli accertamenti del caso.

Va sottolineato che la presenza di un defibrillatore sulle spiagge o nei luoghi pubblici non è obbligatoria ma, secondo le norme, auspicabile. Per questo la gran parte degli stabilimenti balneari ne è dotata.