Seguici su

Cerca nel sito

Sabaudia, iniziati i lavori per l’aumento della videosorveglianza

Il consigliere delegato Minervini: "L'obiettivo è rendere più sicura la nostra città"

Sabaudia – “Sono ufficialmente iniziati ieri 20 agosto i lavori di implementazione del sistema di videosorveglianza, così come da progetto cofinanziato dalla Regione Lazio nell’ambito del bando promosso ‘per la promozione di interventi volti a favorire un sistema integrato di sicurezza nell’ambito del territorio regionale'”, fa sapere il Comune di Sabaudia in una nota.

“Con la somma totale di 83.911,60 (50mila euro finanziati dall’Ente regionale) – proseguono -, si procederà ad interventi per la realizzazione ex novo e potenziamento dei sistemi di videosorveglianza in città, in zone particolarmente sensibili quali incroci, strade di accesso al territorio comunale e nelle piazze principali del centro urbano. Nella fattispecie verranno installate ben 25 telecamere nuove che andranno ad aggiungersi alle 23 già esistenti, potenziando di fatto il sistema di videosorveglianza attivo e approdando così ad una visione più chiara e completa dei fenomeni delittuosi, che permetterà di prevenire e reprimere episodi di microcriminalità nonché di supportare le forze dell’ordine nella risoluzione e definizione della natura di tali delitti. Di queste 25 nuove installazioni, 6 verranno impiegate nella lettura delle targhe, 6 nel controllo della viabilità, 8 saranno installate intorno al Comune per il controllo delle piazze adiacenti e altre 5 in punti sensibili”.

“L’Amministrazione precisa che i lavori suddetti hanno preso avvio non appena ottenute le autorizzazioni necessarie da parte dell’Ente Parco Nazionale del Circeo e della Sovrintendenza dei Beni culturali e archeologici”.

“L’obiettivo finale del progetto è rendere sicura Sabaudia mediante il monitoraggio delle strade di accesso alla città e il controllo dei punti più sensibili, aumentare la vivibilità del territorio, prevenire e contrastare i fenomeni di inciviltà urbana e di criminalità, incrementare nel cittadino la percezione di prossimità delle istituzioni e, infine, consentire e stimolare un consapevole e corretto ‘uso’ del territorio”, commenta il consigliere delegato Saverio Minervini, che continua: “Non appena arriverà il finanziamento ministeriale ottenuto dall’Amministrazione, riguardante sistemi di videosorveglianza per i borghi e le frazioni, si approderà ad una copertura capillare dell’intero territorio comunale, in linea con gli intenti programmatici e con il mandato elettorale”.