Seguici su

Cerca nel sito

Terracina, concerti cancellati al Molo: la precisazione dell’assessore al Turismo Cerilli

Cerilli: "Gli annullamenti non sono in alcun caso imputabili all’Amministrazione Comunale di Terracina."

Più informazioni su

Terracina – In ordine alla cancellazione dei concerti e delle altre manifestazioni previste nell’area del Molo, l’assessore al Turismo Barbara Cerilli precisa che “si è trattato di eventi per la cui organizzazione le richieste o sono giunte al Comune ben al di sotto dei 30 giorni previsti dal Regolamento Comunale (in un caso) o erano completamente prive delle certificazioni che gli organizzatori sono tenuti a produrre per consentire la convocazione della Commissione Pubblici Spettacoli, un organismo  previsto dalla legge e composto, tra gli altri, dai Vigili del Fuoco e dalla ASL.

Lo svolgimento di questo tipo di manifestazioni – prosegue l’assessore – è rigidamente subordinato al parere della Commissione che è chiamata ad esprimersi sulla sicurezza e che si riunisce quando si è in presenza di eventi che superano presumibilmente le 200 presenze.

Tengo a sottolineare che gli Uffici Comunali e la sottoscritta hanno più volte rappresentato agli organizzatori questa inadempienza, senza la quale è impossibile istruire la pratica. Gli annullamenti, quindi, non sono in alcun caso imputabili all’Amministrazione Comunale, che si è trovata nella condizione di considerare irricevibili le istanze.

Nel caso del concerto dei Subsonica, previsto per l’8 agosto e poi cancellato, il problema è stato di altra natura, comunque non riconducibile al Comune. Questo mio intervento – conclude Cerilli – ha il preciso scopo di evitare speculazioni di qualunque genere sul mancato svolgimento di manifestazioni sicuramente apprezzabili, ma per la cui realizzazione è necessario rispettare criteri inderogabili che mirano a garantire la sicurezza.

L’invito che rivolgiamo a tutti coloro che si propongono di organizzare concerti o altri eventi con grande afflusso di pubblico è – conclude la nota – quello di presentare le istanze anche molto prima dei 30 giorni previsti al fine di poter garantire la predisposizione di tutte le misure necessarie per tempo e ovviare alle eventuali criticità”.

Foto di: Andrea Longo

(Il Faro on line)

Più informazioni su