Seguici su

Cerca nel sito

32 incendi in 37 giorni, la denuncia di “Fare verde Fondi”

Fare verde Fondi: "Chiediamo una Riunione Straordinaria in Comune per coinvolgere qualunque Ente o associazione voglia aiutare nella prevenzione degli incendi."

Fondi – Dal 25 Luglio sono trascorsi 37 giorni. In 37 giorni “Fare Verde” ha registrato sul territorio di Fondi 32 incendi. La media è spaventosa, i numeri impietosi, ma meglio di ogni dato crediamo possa essere questa immagine a rappresentare cosa sta accadendo, cosa la natura sta sopportando.

La proposta inascoltata

Ma perché il 25 luglio come “data 0”? “Il 25 Luglio – fa sapere, in una nota, Francesco Ciccone, il presidente di “Fare verde Fondi”–  la nostra Associazione Ambientalista ha presentato una proposta (Leggi qui), che non è stata nemmeno lontanamente presa in considerazione, ed allora la avanziamo nuovamente.

Chiediamo la convocazione di una Riunione Straordinaria in Comune per coinvolgere le Forze dell’Ordine, i Carabinieri Forestali, la Polizia Municipale, i Vigili del Fuoco, i Falchi di Pronto Intervento, abilitati all’attività antincendio, ma anche i Direttori dei Parchi Regionali ricadenti sul nostro comprensorio, la Protezione Civile, le Associazioni Ambientaliste e di Volontariato, i Comitati delle Contrade ed ogni aggregazione che voglia mettere a disposizione il proprio tempo per azioni di prevenzione ed avvistamento sul territorio”.

L’appello

Non solo. Da “Fare verde” ribadiscono l’appello lanciato nei giorni scorsi: se qualcuno avvista delleEmergenza incendi a Fondi, i numeri utili per l'allerta fiamme o anche solo del fumo, contatti i recapiti telefonici forniti nei giorni scorsi – vedi foto nell’articolo -.

Non pensate che altri l’abbiano già fatto. Fornire le indicazioni necessarie per localizzare l’incendio è fondamentale. E visto il silenzio delle Istituzioni adesso andiamo oltre, chiamiamo a raccolta tutti i Cittadini che abbiano a cuore le sorti della nostra Città e reputino inaccettabile questa situazione che ormai si protrae da settimane.

“Fare Verde” non ha alcuna intenzione di aggiornare questa orribile “Mappa del fuoco”. Siamo di fronte ad eventi criminosi, i cui responsabili – conclude la nota – vanno assicurati alla Giustizia. Ed è semplicemente intollerabile assistere a questo “spettacolo macabro”.

(Il Faro on line)