Seguici su

Cerca nel sito

Flumen Festival a Fiumicino, intervista a Mauro Biani – VIDEO

Il fumettista: "In una vignetta può essere suono sia l'immagine che la parola. Anzi, spesso l'immagine da sola è più del suono"

Più informazioni su

Fiumicino – “La sfida di oggi è cercare sempre nuovi punti di vista”. Così Mauro Biani, fumettista, illustratore e blogger italiano, intervenendo al Flumen Festiva di Fiumicino, racconta il suo lavoro. “Il bersaglio della satira – sottolinea – non deve essere solo il potere, ma ognuno di noi, deve essere uno strumento che accende l’autocritica”.

Satira e ironia

Illustratore, vignettista, le sue strip hanno una caratterizzazione di satira sociale e politica, affrontando tematiche collegate alla legalità, al pacifismo, ai diritti umani. I suoi bersagli preferiti sono la Chiesa (cattolica e non solo), i politici italiani e stranieri, lo Stato e le sue leggi, il mercato e i suoi limiti.

Nell’ottobre 2008 una sua vignetta pubblicata su “Emme”, allegato satirico dell’l’Unità che prende di mira il ministro Brunetta, e esponenti del governo, solleva questioni di censura riguardo ai suoi lavori.

Dopo la chiusura di Emme e di Paparazzin (inserto satirico di Liberazione), insieme con Carlo Gubitosa fonda Mamma!, rivista di satira indipendente che raccoglie alcuni famosi autori di satira, tra cui Ellekappa e Bucchi.

A gennaio 2009, in occasione del decennale della morte di Fabrizio De André, col critico Nicola Cirillo presenta “Come una specie di sorriso”, una mostra di vignette ispirate alle sue canzoni. La mostra, inaugurata a Roma, presso una libreria Feltrinelli, prosegue in altre città italiane anche negli anni successivi.

Nel 2012 dal 31 marzo fino al 24 giugno, presso il Museo della Satira e della Caricatura di Forte dei Marmi, viene tenuta una sua esposizione antologica: più di 200 vignette e 7 sculture. Da fine 2012 è il vignettista de il manifesto. Dal 2017 disegna la rubrica “Taglio alto” su L’Espresso.

(Il Faro online)

Più informazioni su