Seguici su

Cerca nel sito

Carmen e Traviata, l’Opera incanta i passeggeri a Fiumicino foto

Concerto dell'Orchestra Giovanile Santa Cecilia al Terminal 3 del Leonardo Da Vinci.

Fiumicino – Il “Flauto Magico” di Mozart e la “Carmen” di Bizet; ed ancora “Le Nozze di Figaro”, il “Brindisi” dalla Traviata di Verdi e, come gran finale, le note della “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni hanno risuonato ieri mattina, al Terminal 3 dell’aeroporto di Fiumicino, suscitando, tra applausi a più riprese, l’attenzione e la curiosità di una folla di passeggeri in procinto di partire e di operatori aeroportuali.

Ad esibirsi 30 tra solisti ed elementi dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio “Santa Cecilia” di Roma che hanno animato lo spazio, nella sala partenze, messo a disposizione da Aeroporti di Roma.

L’iniziativa rientra nel progetto “Opera Out Of Opera” che verrà, inoltre, presentata anche nell’ambito del Mascagni New Generation Festival, ideato dal Comitato Promotore Maestro Pietro Mascagni, che si concluderà a maggio 2020. Ad “Opera Out Of Opera” aderiscono anche Rai Radio Classica e Aeroporti di Roma.

Il progetto ha come obiettivo la diffusione e il potenziamento della “Audience development” nell’Opera Lirica attraverso le nuove tecnologie; prevede la fruibilità interattiva di un’opera attraverso l’utilizzo di una App per smartphone: “L’obiettivo non è sono quello di far conoscere l’Opera alle nuove generazioni, ma anche quello di creare una nuova opera partendo da quelle esistenti – spiega il Maestro Michelangelo Galeati, docente del Conservatorio di Musica Santa Cecilia -. Il pubblico dovrà scaricare l’App gratuita Opera Out sul proprio smartphone e interagire in tempo reale con l’esibizione dei musicisti dell’Orchestra Giovanile del Conservatorio e degli 8 cantanti internazionali che saranno sui palcoscenici, oltre che di Roma, di Atene, di Pamplona e di Salisburgo”.

Dopo la schermata iniziale, una serie di emoticon raccontano ed evidenziano i topoi eterni dell’opera lirica: il tradimento, la morte, la nostalgia della patria lontana, ecc. Gli spettatori sono invitati a votare le loro preferenze costruendo in tempo reale – con l’aiuto della Orchestra Giovanile e dei cantanti  – una nuova “opera”.