Seguici su

Cerca nel sito

Nettuno, spacciava hashish ai clienti del suo pub: arrestato

L'uomo gestiva un locale nel borgo medievale

Più informazioni su

Nettuno – Nel corso delle operazioni svolte a cura della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della Questura di Roma, finalizzate al contrasto dell’abusivismo ed alla verifica delle attività degli esercizi pubblici, specie in occasione della “movida estiva”, i poliziotti hanno proceduto all’arresto di uno dei gestori di un pub situato presso il borgo medievale di Nettuno.

L’operazione, inizialmente nata per contrastare le attività che, sotto la parvenza di circolo culturale, svolgono in realtà ristorazione e somministrazione di bevande rivolta al pubblico, è stata intrapresa nella serata di venerdì scorso, dagli agenti della Divisione Polizia Amministrativa e Sociale.

Gli agenti, dopo essersi qualificati, hanno proceduto al controllo degli avventori del circolo, e in quella circostanza si sono immediatamente accorti che un utente, alla richiesta di esibire i documenti, si è dato a precipitosa fuga all’esterno del locale. Dopo un breve inseguimento appiedato tra i veicoli del borgo, durante il quale lo stesso ha cercato di opporre resistenza, è stato definitivamente bloccato dai poliziotti. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di un involucro contenente alcuni grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish.

Nel frattempo, gli altri agenti rimasti nel locale vista la repentina fuga dell’avventore, presumendo che egli avesse appena acquistato la droga, procedevano alla perquisizione sia del pub che del gestore stesso del locale che veniva trovato in possesso di un panetto di hashish nascosto negli indumenti intimi e di un bilancino di precisione nella tasca dei pantaloni.

Dall’esame del panetto di stupefacente, risultava mancare proprio il frammento venduto poco prima al soggetto che si era dato alla fuga alla vista degli agenti. Pertanto l’uomo è stato tratto in arresto per il reato di detenzione e spaccio di sostanza stupefacente.

Il locale è stato invece posto sotto sequestro giudiziario.

(Il Faro online)

Più informazioni su