Seguici su

Cerca nel sito

Ospedali Riuniti di Anzio e Nettuno, resta aperto il reparto di Pediatria

Il direttore della Asl Roma 6: "La causa principale alla base dell'ipotesi di disattivazione delle unità operative di Pediatria e Ostetricia era l'impossibilità di arruolare pediatri"

“La grave carenza di medici specialisti in Pediatria già da diverso tempo ha messo in crisi soprattutto l’Ospedale Riuniti di Anzio e Nettuno. Negli ultimi mesi abbiamo potuto garantire la piena operatività solo grazie a una convenzione con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Abbiamo ricevuto conferma che detta convenzione, che ci garantisce pediatri di elevata professionalità, proseguirà“, annuncia Narciso Mostarda, Direttore generale della Asl Roma 6.

“Possiamo rassicurare le future mamme e tutte le famiglie che il punto nascita della struttura ospedaliera continuerà a svolgere la normale attività, pur rilevando che il numero dei parti annuali è inferiore agli standard definiti dal Ministero – prosegue Mostarda -. E’ nostro impegno monitorare con attenzione il fabbisogno del territorio in termini di natalità, per rispettare tutte le indicazioni dettate dal DM 70/2015 che sancisce le linee guida per l’appropriatezza dei punti nascita”.

“Vogliamo precisare che – conclude il direttore – la causa principale alla base dell’ipotesi di disattivazione delle unità operative di Pediatria e Ostetricia era l’impossibilità di arruolare pediatri. Si tratta di una criticità di sistema, che riguarda l’intera rete nazionale dei professionisti. Negli ultimi anni il contingente di pediatri a disposizione del sistema sanitario nazionale è diminuito drammaticamente”.

(Il Faro online)