Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, striscione contro Montino e via Bombonati. Il Sindaco: “Vogliono minacciarmi”

Esterino Montino ha postato la notizia sul suo profilo facebook, commentando: "Siamo orgogliosi perché siamo dalla parte giusta della storia"

Più informazioni su

Fiumicino – Ancora uno striscione posizionato nottetempo, con la scritta “I fascisti son tornati contro Montino e Bombonati”. Il sindaco Esterino Montino ha postato la notizia sul suo profilo facebook, commentando: “L’intento sarebbe minacciarmi”.

“Un altro striscione dichiaratamente fascista – scrive Montino -. Non c’è dubbio alcuno che io e la mia amministrazione stiamo dalla parte del centro di via Bombonati, delle persone che accoglie e del lavoro che fanno gli operatori e le operatrici che ci lavorano. Come stiamo dalla parte di tutte le persone che vivono una condizione di fragilità, sia essa economica, sociale o sul piano dei diritti e qualsiasi sia il colore della loro pelle.

Non c’è alcun dubbio, allo stesso tempo, che siamo quanto di più distante ci sia da chi si dichiara fascista o anche solo si ispiri al fascismo. E ne siamo orgogliosi perché siamo dalla parte giusta della storia, della politica e della società”.

Magionesi: “Insulti a tutta la cittadinanza”

Al fianco del sindaco si schiera  la capogruppo del Pd in Consiglio Comunale Paola Magionesi: “Questa storia va ormai avanti dalla campagna elettorale dello scorso anno – ricorda Magionesi -: periodicamente spuntano scritte e striscioni con insulti e minacce di chiara matrice fascista contro il sindaco Montino, la sua famiglia, le sue scelte politiche, la sua sensibilità verso chi ha bisogno”.

“Insulti che colpiscono anche noi e tutte le persone civili e di buon senso che vivono a Fiumicino – prosegue – e contro cui non smetteremo di denunciare e di mettere in pratica la buona politica, l’unica risposta a questa gente capace solo di odio e violenza”.

“È per rafforzare queste politiche che lo scorso giugno abbiamo approvato in consiglio comunale una mozione che impegna il sindaco e la giunta a non concedere spazi pubblici a chi professa idee razziste, omofobe, sessiste, discriminatorie e fasciste” ricorda la capogruppo.

“Al sindaco Montino e al centro di via Bombonati va la solidarietà mia e di tutto il gruppo del Partito Democratico – conclude – certi che questi attacchi non riusciranno in alcun modo a fermare l’ottima azione di governo di questa amministrazione”.

Petrillo e Chierchia: “Basta odio”

“La presenza continua di scritte fasciste che attaccano con frasi disgustose e violente una parte politica non sono accettabili, e non possiamo correre il rischio di abituarci a questo degrado culturale”. Lo dichiarano i consiglieri comunali della Lista civica Zingaretti Angelo Petrillo e Massimo Chierchia.

“L’attacco – aggiungono – questa volta è al Sindaco e al centro di via Bombonati. Due entità distinte, non dipendenti l’una dall’altra, visto che il Centro non è gestito dal Comune, ma messe sullo stesso piano da questi presunti neo fascisti. Questo a indicare che la volontà è quella di attaccare un modello di società, una parte della Città che si prodiga per essere a sostegno degli ultimi, di chi ha bisogno.

Questo attacco allora ci fa capire che siamo dalla parte giusta, insieme al nostro Sindaco e a sostegno di tutte le realtà presenti sul nostro territorio che lavorano per accogliere e migliorare la condizione di vita di chi soffre.
Comunque, visto che agli attacchi sono sempre e solo sull’appartenenza ad una ideologia e una visione del mondo e non su fatti concreti o proposte per la Città, vuol dire che stiamo facendo bene“.

“Ora è il momento di voltare pagina – concludono – per troppo tempo in Italia l’odio è stato al centro del dibattito politico, non abbiamo più tempo da perdere”.

(Il Faro online)

Più informazioni su