Seguici su

Cerca nel sito

Cerveteri, programmati gli interventi sul verde pubblico: ecco dove e quando

La pulizia, in programma nei giorni dal 23 al 27 settembre 2019, riguarderà in particolare Cerveteri, Cerenova, Valcanneto e I Terzi

Cerveteri – La Multiservizi Caerite comunica che è online la programmazione settimanale del servizio di manutenzione del verde pubblico (leggi qui).

Gli interventi, programmati nei giorni dal 23 al 27 settembre 2019, riguarderanno in particolare Cerveteri, Cerenova, Valcanneto e I Terzi. Grande attenzione verrà riservata alla pulizia delle aree verdi nel territorio, in particolare parchi pubblici con interventi di taglio erba, svuotamento cestini nei parchi, potature varie e pulizia delle banchine stradali. Previsto il ripristino della staccionata a Viale Scarlatti a Valcanneto e la potatura delle siepi alla scuola Salvo D’Acquisto.

La pubblicazione dell’agenda settimanale del verde, così come l’agenda mensile e i report delle attività svolte rientrano nella volontà della Multiservizi di rendere il servizio sempre più efficiente e trasparente per la cittadinanza.

A partire dalla seconda metà del 2016 ad oggi questo servizio consente al cittadino di risalire ad ogni singolo intervento svolto in qualunque giorno, avendo a disposizione informazioni su quante ore, quali e quanti operai, quali mezzi e attrezzature sono servite per la singola lavorazione, anche di una durata di soli 10 minuti.

Ad oggi sappiamo, ad esempio, che la superficie erbosa su cui Multiservizi esegue il taglio erba, è pari a circa 257.528 mq. Si tratta di 26 ettari dislocati su 13.400 ettari totali di superficie comunale. Le cunette stradali si estendono per 327.784 mq (32 ettari). Non calcolando le campagne cervetrane, il verde orizzontale gestito da Multiservizi corrisponde quindi al 12% di tutta la superficie del territorio urbanizzato di Cerveteri.

La mappatura digitale del patrimonio arboreo pone l’amministrazione di Cerveteri tra le poche in Italia ad aver ottemperato alla legge n. 10 del 2013 che prevede che tutti i comuni sopra i 15mila abitanti si dotino di un catasto delle alberature, ma soprattutto fra le pochissime realtà ad aver mappato tutti i dati del verde pubblico.

(Il Faro online)