Seguici su

Cerca nel sito

Croce Rossa Ostia, operazione Spiagge più sicure: 43 interventi, salvate due vite

Si chiude la terza edizione del soccorso in bicicletta assicurato sul lungomare di levante dalla Croce Rossa Decimo in collaborazione con i balneari della zona

Ostia – Sono tutti operatori qualificati per il pronto soccorso i volontari della Croce Rossa che in estate presidiano il lungomare in bicicletta con tutta la dotazione necessaria per il pronto intervento sanitario. E tra giugno e settembre quest’anno hanno soccorso ben 43 persone, due delle quali in codice rosso.

Ostia

Si concluderà domenica 29 settembre la terza stagione dell’operazione “Spiagge più sicure” condotta dalla Croce Rossa presidio Decimo in collaborazione con il gruppo di balneari del litorale di levante di Ostia. Tutti i week end e festivi nei mesi di luglio e agosto oltre alle domeniche e i festivi di maggio e settembre, coppie di volontari abilitati al primo soccorso hanno pattugliato il lungomare dalla Rotonda all’ex Dazio al servizio non solo dei bagnanti ma anche degli automobilisti in difficoltà.

Questo servizio – riassume Massimo Mazzei, referente dell’operazione per la Croce Rossa – ha coinvolto a rotazione 112 volontari appartenenti non solo alla sezione Decimo ma anche Nono. Siamo intervenuti nelle emergenze più disparate, dalla puntura dell’insetto alla ferita da oggetti affioranti nella sabbia al colpo di calore a quelli più seri come le crisi ipertensive e cardiocircolatorie. Un servizio importante per i bagnanti e per gli automobilisti ma anche per l’ottimizzazione delle risorse Ares 118: infatti, solo nei casi di codice rosso, che sono stati due, e in alcuni di codice giallo, in totale 19, c’è stato bisogno dell’arrivo di un’ambulanza“. Nei casi affidati al personale delle ambulanze, i volontari (tutti certificati nel primo soccorso) avevano nell’attesa provveduto a stabilizzare i malati.

Tra le attività che hanno visto impegnati gli operatori della Croce Rossa anche quella di ricerca dei bambini sulle spiagge. “Tutti i marinai di salvataggio e i concessionari sono collegati in una chat whatsapp coordinata da noi e in tempo reale venivano diramate le note di ricerca” spiega Mazzei.

A supportare l’iniziativa sono stati alcuni concessionari degli stabilimenti balneari della zona di levante. “Il bilancio è estremamente positivo – commenta soddisfatto Michele De Fazio, concessionario de “La Bonaccia” – In tre anni di attività questi magnifici ragazzi sono intervenuti in circa 115 situazioni di pericolo e disagio sanitario. Per la prossima stagione confidiamo nell’intervento di un grosso partner commerciale che si farà carico dell’acquisto delle spese, in particolare del materiale necessario, delle divise e delle biciclette, ma il sogno che ho è quello di estendere il servizio a tutto il litorale di Ostia, dal Porto alla Marinella“.