Seguici su

Cerca nel sito

Ostiamare, rimonta di carattere e pareggio con la Torres

Partita di reazione dei lidensi che in trasferta non si fanno mettere sotto dai sardi. 2 a 2 il risultato finale. In settimana doppio impegno con il Trastevere

Il Faro on line – Grande carattere. Quello dimostrato dall’Ostiamare di Scudieri che, sotto di due reti alla fine del primo tempo a Sassari contro la Torres, sfodera una ripresa fantastica, accorciando con De Sousa e trovando al 90′ il meritato pari grazie a Renzetti, dopo una traversa colpita da Mastropietro, un legno preso da Sousa, e un calcio di rigore (sul 2 a 1 per i sardi) parato da Colombo sempre a De Sousa, a dimostrazione di un secondo tempo a senso unico.

Finisce 2 a 2 al Vanni Sanna, con i lidensi che tornano a casa consapevoli di essere un gruppo che non molla mai, di fronte agli ostacoli, capace di reagire e di conquistare, in questo caso, un punto che fa tanto morale in vista del doppio scontro con il Trastevere (mercoledì in Coppa a Via Vitellia e domenica in campionato all’Anco Marzio, ndr).

Primo tempo, come detto, con i sardi a spingere di più e a trovare il vantaggio al 31′ con Sartor e il raddoppio al 42′ con Bianco. L’Ostiamare, sotto di due reti, torna in campo e mette sotto, fin dalle prime battute, la compagine di Mariotti. E’ un monologo quello dei ragazzi di Ostia, che dapprima accorciano le distanze con De Sousa (conclusione forte e vincente, nulla da fare per Colombo), poi vanno vicini al pari in svariate circostanze, cogliendo una traversa con Mastropietro e un palo sempre con De Sousa.

La chance più ghiotta, per il pari, però, arriva dal dischetto. Baratta concede il calcio di rigore ai lidensi, ma De Sousa si fa respingere la conclusione da Colombo. Ma l’Ostiamare insiste. E al 90′ trova l’agognato e meritato pari, dopo aver chiuso la Torres nella sua trequarti. La firma è di Riccardo Renzetti, talentuoso attaccante classe 2000, la firma è di un gruppo che non molla mai.

(Riccardo Troiani – Ufficio Stampa Ostiamare Lidocalcio)

Foto : Claudio Spadolini (archivio)