Seguici su

Cerca nel sito

Ripulivano i turisti da tablet e portafogli, due arresti all’aeroporto di Fiumicino

In manette un libico e un algerino, accompagnati nel carcere di Civitavecchia

Fiumicino – Ripulivano turisti da soldi, documenti, tablets, macchine fotografiche, occhiali e portafogli di marca, prendendo di mira soprattutto cittadini asiatici e canadesi. Per questo motivo due stranieri, un algerino di 42 anni e un libico 31enne, sono stati arrestati dai Carabinieri della Compagnia Aeroporti di Roma insieme ai colleghi della Polizia di frontiera, presso l’aeroporto internazionale “Leonardo Da Vinci” di Fiumicino.

L’algerino, pluripregiudicato, è stato “beccato” da una pattuglia interforze carabinieri/polizia alla porta 2 del Terminal 3 dello scalo romano; il libico, datosi alla fuga, è stato invece bloccato poco dopo alla stazione ferroviaria dell’aeroporto.

I due sono stati portati negli uffici della Polizia Giudiziaria con arresto congiunto. Confermato lo stato di fermo, i due stranieri sono stati portati nel carcere di Civitavecchia. E’ stato possibile accertare in questo modo che molta della merce rubata veniva poi nascosta nel parcheggio multipiano dell’aeroporto.

Entrambi gli stranieri vivono a Roma e da giorni si aggiravano nell’aeroporto di Fiumicino con l’obiettivo di rapinare i turisti. Al momento dell’arresto, l’algerino aveva ancora indosso la borsa piena di oggetti trafugati.

Va sottolineata la capacità delle forze di polizia di agire congiuntamente, un esempio di efficienza che produce come risultato l’aumento della sicurezza in uno scalo così importante come l’aeroporto internazionale Da Vinci.

(Il Faro online)