Seguici su

Cerca nel sito

Bomba d’acqua a Formia: tra task force e polemiche

Cardillo Cupo: "Sono giorni, mesi, che tutti ripetono che senza manutenzione alla prima pioggia sarà il delirio, ma nessuno si è degnato del minimo ascolto."

Formia – Dopo la bomba d’acqua che nella notte tra il 22 e il 23 settembre ha colpito Formia (Leggi qui), dal Municipio di via Vitruvio arrivano i primi chiarimenti: “A seguito dell’allerta meteo della Regione Lazio il 22 settembre 2019, in cui per la Zona F “Bacini Costieri Sud”- si legge, infatti, in una nota – è stata diramata l’allerta arancione si è prontamente attivato il Centro Operativo Comunale (COC) a partire dalle ore 16:00 dello stesso giorno.

Il violento nubifragio che si è abbattuto in nottata sulla città di Formia, ha procurato danni e disagi alla popolazione residente nelle seguenti zone: Largo Tommaso Testa, Largo Purificato, Via Rotabile (tratto di interesse provinciale) località Castellonorato, località Ciriano/Ponzanello, Via degli Archi, Trivio e Maranola.”

E ancora, fanno sapere dal Comune: “Sono stati da subito allertati i gestori del servizio idrico ed elettrico per interventi su tutte le aree interessate da mancanza di corrente e acqua.

A seguito dell’intervento tempestivo della Protezione Civile VER Sud Pontino, Vigili del fuoco, Polizia Municipale e Settore tecnico del Comune, in mattinata sono rientrate le situazioni di disagio e pericolosità.

In fase di risoluzione anche i problemi inerenti il manto stradale di contrada Ciriano/Ponzanello e Via degli Archi. L’attività di messa in sicurezza nonché ulteriore ricognizione delle zone interessate continuerà nella giornata di oggi. Resta attivato il COC e tutte le misure di prevenzione e sicurezza necessarie alla salvaguardia della cittadinanza.

La polemica di Cardillo Cupo

A polemizzare, non senza una certa amarezza, su quanto accaduto a seguito della bomba d’acqua è Pasquale Cardillo Cupo, consigliere comunale di “Fratelli d’Italia” che ha fatto sapere: “Sono giorni, mesi, che tutti ripetono che senza manutenzione alla prima pioggia sarà il delirio, ma nessuno si è degnato del minimo ascolto.

Se si poteva forse accettare l’inesperienza della nuova Amministrazione, davanti a cotanta incompetenza e superficialità non si può più fare finta di nulla. Non è andando sui palchi a gridare viva la pace nel mondo, viva il mare e viva il sole che si può amministrare una delle città più importanti e storiche della Provincia.

Solidarietà ai malcapitati amici delle periferie, alcuni salvi per miracolo – continua la nota. – Le frazioni sono totalmente abbandonate, alcune senz’ acqua, altre completamente al buio, senza un minimo di luce da mesi, la città devastata, attività commerciali in ginocchio, strade come neanche fossimo in guerra, fossati e canali di scolo senza la minima manutenzione

Prevalga il buonsenso e – conclude la nota – si prenda atto della propria inadeguatezza, non vorremmo trovarci a commentare tragedie oggi solo sfiorate.”

(Il Faro on line)