Seguici su

Cerca nel sito

Progetto “Erasmus”, gli studenti del “Cena” di Cerveteri in Romania, Portogallo e Lituania

Anche quest'anno è estremamente ricca l'offerta formativa e l'apertura ai paesi esteri dell'Istituto

Cerveteri – Trasferta in terra romena per l’Istituto Scolastico Giovanni Cena. Come consuetudine, anche quest’anno l’Istituto ha preso parte al progetto formativo Erasmus, che vede partecipare docenti e studenti ad un periodo formativo e culturale in un paese estero.

Tre docenti e 8 alunni sono in questi giorni ad Oradea, municipio romeno e capoluogo del distretto di Bihor e della regione storica della Crișana, tradizionalmente inglobata nella Transilvania, per una settimana di attività legate alla lingua inglese.

Un totale di 24 famiglie hanno dato adesione ad ospitare i ragazzi in questo progetto, e ben 15 del team Defems sono i docenti che si sono riuniti per pianificare le prossime attività di questo straordinario programma, che vedrà tra le prossime tappe anche la Lituania.

Si parte però già la prossima settimana, con 4 studenti di Cerveteri andranno in Portogallo, nell’ambito del progetto DTG Erasmus, dove sotto la guida delle Docenti Pazzini e Di Maggio, referente del progetto, saranno coinvolti in varie attività legate al turismo, tra cui l’utilizzo di app totalmente innovative ed avanzate.

“I progetti che vedono coinvolti i ragazzi della nostra città con realtà straniere rappresentano il fiore all’occhiello dell’offerta formativa dell’Istituto Giovanni Cena di Cerveteri – ha dichiarato Alessio Pascucci, Sindaco di Cerveteri – lo studio delle lingue straniere, le esperienze in altri paesi europei, gli scambi culturali, non possono che far bene ai nostri ragazzi, adulti di domani, che arricchiranno in maniera davvero importante le proprie vedute e le proprie conoscenze. Al personale docente, sempre attento alla formazione dei ragazzi, alle famiglie, sempre presenti, alla Dirigenza scolastica e ovviamente agli studenti, i miei complimenti e il mio augurio di un ottimo e proficuo percorso scolastico”.

(Il Faro online)