Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Roma, blitz contro il mercato nero: sequestrati 500 chili di pesce foto

Operazione della Capitaneria di Porto di Roma sotto il coordinamento del Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Civitavecchia

Fiumicino – Si è conclusa questa mattina un importante attività di controllo sulla filiera della pesca condotta dagli uomini della Guardia Costiera di Roma unitamente al personale della Polizia Stradale sottosezione di Roma, che ha portato al sequestro di circa 500 chili  di prodotto ittico, rinvenuto presso il C.A.R. (centro agroalimentare di Roma) sito in Guidonia.

Nello specifico, il personale della Capitaneria di Porto di Roma sotto il coordinamento del Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Civitavecchia, ha svolto un attenta attività di controllo in materia di pesca, attraverso azioni finalizzate alla verifica delle modalità di conservazione, commercializzazione, messa in vendita nonché di carattere generale (sottomisura ed etichettatura), delle specie ittiche presenti.

Attività che ha consentito nella notte tra il 30/09 e 01/10/2019 di addivenire al sequestro in parola in quanto il prodotto, era pronto a rifornire le attività commerciali della Capitale privo delle informazioni minime obbligatorie in materia di tracciabilità.

Pertanto, si è provveduto al sequestro prima che venisse commercializzato e contestualmente sono state elevate sanzioni per un totale di euro 7.500,00.

Inoltre, durante l’attività sono state altresì rilevate mancanze alle procedure di autocontrollo, in quanto diversi automezzi erano impiegati per il trasporto di prodotto ittico fresco e congelato privi della prevista comunicazione al Comune Competente (s.c.i.a.) “Segnalazione Certificata Inizio Attività”.

Sono stati quindi elevati dai Militari della Guardia Costiera di Roma ulteriori processi verbali Amministrativi, per un importo di euro 3.000,00.

Le attività si incardinano in quelle quotidianamente poste in essere dalla Guardia Costiera sulla filiera della pesca e ciò a tutela della salute dei consumatori finali dei prodotti ittici.

(Il Faro online)