Seguici su

Cerca nel sito

La Lazio a Bologna ripresenta l’agile coppia d’attacco, Immobile-Correa

S. Inzaghi: "Senz’altro il primo pensiero va a Siniša, che è un guerriero. Sono sicuro al 100% che vincerà la sua battaglia. Un caro amico.

Bologna – La copertina di questo pre-partita l’abbiamo voluta dedicare ad un beniamino dei tifosi laziali, Siniša Mihajlović, che sta giocando la sua partita più importante e per cui oggi forse, non sarà allo Stadio Dall’Ara di Bologna per la partita casalinga dei rossoblu, anche se alcune voci dell’ultima ora dicono che dovrebbe esserci.

Siniša è un guerriero ed una persona generosa, ora ha bisogno di prendersi cura di Sé ed anche se non potrà essere allo stadio oggi, per molti laziali e i suoi attuali tifosi, sarà lo stesso in panchina. A lui vanno i migliori auguri di una pronta guarigione. Anche il tecnico della Lazio, Mister Inzaghi, nella sua conferenza stampa del pre-partita di oggi (ore 15.00) Bologna-Lazio, ha voluto ricordare l’amicizia e la stima che riversa nei confronti del suo collega e di come ha bellissimi ricordi di quando insieme giocavano nell’eccellente squadra costruita da Sergio Cragnotti. Il Mister Laziale – “Sono sicuro che Siniša al 100% vincerà la sua battaglia”.

La Partita

Mister Inzaghi presenta in porta Strakosha, la difesa a tre con Acerbi al centro e ai suoi lati, a destra Luiz Felipe e a sinistra Radu. A centrocampo, dovrebbe fare il suo ritorno in campo come esterno di destra Marusic, mentre internamente,  Milinkovic-Savic a destra, Leiva centrale, Luis Alberto interno di sinistra e il capitano Lulic, come sempre, scorrazzerà avanti indietro con la sua instancabile “verve” sulla fascia sinistra. Davanti, a tentare di far breccia nella difesa del Bologna e per finalizzare a rete le azioni della Lazio, Correa torna a fare coppia con Immobile.

Una partita non facile. Il Bologna è una squadra quadrata e molto fisica. La partita persa con l’Udinese, domenica scorsa, la pone ancora più nella condizione di non voler sbagliare la gara casalinga di oggi davanti il proprio pubblico. Sarà importante per i ragazzi di Inzaghi scendere in campo con la mentalità giusta, con la consapevolezza della propria forza e con l’umiltà ed il rispetto nei confronti dell’avversario. Una vittoria, significherebbe dare una spinta notevole alla classifica della Lazio. Dopo questa gara ci sarà la sosta per la Nazionale, per cui oggi in campo bisogna dare il massimo.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-partita

In assenza del tecnico del Bologna, Siniša Mihajlović, sono intervenuti in conferenza stampa, il Capitano Danilo, l’allenatore in seconda, Miroslav Tanjga e il collaboratore tecnico, De Leo.

Partiamo dalle dichiarazioni di Danilo – “Sto bene e ho lavorato tutta la settimana. Da fuori ho visto una squadra che ha sofferto con la Roma nel primo tempo, ma che poi ha giocato alla pari. Sia con la Lazio che con la Juventus abbiamo l’obbligo di provare a vincere, anche se sulla carta siamo meno forti. Punteremo sull’intensità, dipende tutto da noi. Magari con qualche episodio che gira a nostro favore…”

 

Miroslav Tanjga – “Sia le vittorie che le sconfitte fanno parte del nostro lavoro. Sicuramente a Udine abbiamo giocato abbastanza male, ma il lavoro settimanale è stato positivo e siamo pronti per la Lazio. Non dobbiamo illuderci che siano stanchi. Hanno tanti giocatori di qualità, dobbiamo affrontarli con l’idea di vincere la partita”.

 

 

De Leo – “Li rispettiamo tanto, hanno costruito un gruppo solido. Sono forti fisicamente e non gli manca la personalità. Hanno una struttura di gioco consolidata. Noi comunque giocheremo con la massima determinazione, a viso aperto, con leggerezza e coraggio”.

 

 

S. Inzaghi – “Senz’altro il primo pensiero va a Sinisa, che è un guerriero. Sono sicuro al 100% che vincerà la sua battaglia. Un caro amico, ci penso spesso, quando sono arrivato a Roma per me è stato molto importante, era uno dei vecchi, mi ha aiutato a integrarmi, con lui abbiamo condiviso tante vittorie, se non avrò modo di abbracciarlo domani lo farò all’Olimpico.

Deve essere la partita della continuità, è quello che ci è mancato non a livello di prestazioni, ma di risultati. Step importante, il Bologna è organizzato, sta bene fisicamente, ha raccolto poco per quello che ha proposto. Troveremo un avversario avvelenato davanti ai propri tifosi. Neo acquisti in chiaroscuro? Non sono qui per caso, sono giocatori voluti, sta a me e al mio staff di metterli nelle condizioni migliori. Devono crescere e ambientarsi, stanno cercando tantissimo di apprendere, va dato del tempo, sono fiducioso perché sono ragazzi che vogliono capire. Correa? Sta bene, aveva avuto un indolenzimento con il Genoa. Poi il ragazzo è generoso, voleva esserci già giovedì, l’abbiamo preservato per averlo al massimo domani.

Luis Alberto è molto contento, giusto così, ha meritato la convocazione in Nazionale per la continuità avuta in questo inizio. Anno scorso si è messo a disposizione anche se non stava benissimo. Un professionista serio, merito pure dei suoi compagni che gli permettono di esprimersi al meglio. Lazzari e Marusic  mi stanno soddisfacendo entrambi, li sto alternando, è un ruolo molto dispendioso il quinto di centrocampo. Adam mi dà più fisicità, Manuel viene dentro al campo con più facilità. Ho la fortuna di avere l’alternanza, gli altri anni ne ho avuta meno. Avremo la settima partita in 21 giorni. La squadra ha speso tanto, ma ho alternato i giocatori, quindi sono fiducioso. L’anno scorso i miei erano più stanchi, stavolta ho cambiato. Dovremo sfruttare la sosta con quelli che rimangono a Formello. Sette gare in ventuno giorni sono tante.

A parer mio, cominciando il campionato con un paio di settimane di anticipo non ci sarebbero tutte queste partite ravvicinate. Noi e la Roma non abbiamo quel giorno in più che tutte le altre hanno. Domani (oggi ndr) è una partita importantissima, dobbiamo fare bene. Abbiamo perso due partite, ma ero sereno. Poi normale che se ne parli, giusto così. Anni indietro ero più preoccupato per come avevamo perso alcune gare. A Ferrara e Cluj abbiamo commesso errori che dovevamo evitare, ma dal mio punto di vista stiamo sulla buona strada“.

Le probabili formazioni

Bologna (4-2-3-1): Skorupski; Tomiyasu, Danilo, Denswil, Krejci; Medel, Poli; Orsolini, Svanberg, Sansone; Palacio.

Allenatore: Mihajlovic (Tanjga in panchina)

Lazio (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu; Marusic, Milinkovic-Savic, Leiva, Luis Alberto, Lulic; Immobile, Correa.

Allenatore: Inzaghi

(Il Faro online)