Seguici su

Cerca nel sito

Passaggio della via Francigena a Terracina, è botta e risposta tra WWF e Comune

Il WWF lancia l'allarme per la possibile esclusione di Terracina dal tracciato della via Francigena, ma il Comune di Terracina si dice stupito per la reazione tardiva.

Terracina –  Sulla via Francigena del sud e il relativo passaggio per Terracina, in questi giorni, in città è esploso un vero e proprio caso.

A lanciare l’allarme circa la possibile esclusione di Terracina dal tracciato, questa volta – in passato se ne sono occupate già altre associazioni ambientaliste (Leggi qui) è stato il WWF litorale pontino, tramite una lettera della sua Presidente.

Non si è fatta attendere troppo, la risposta del Comune di Terracina, che si dice però stupito per la reazione tardiva del WWF, in quanto sarebbero già state attivate tutte le procedure necessarie per impedire alla città di rimanere esclusa dall’importante percorso.

La lettera del WWF

“Siamo costretti a tornare sulla questione del passaggio nella nostra città della via Francigena del sud-direzione Appia perché ancora non ne vediamo una soluzione.

Stiamo assistendo da tempo, ormai – scrive, in una lettera, la presidente del WWF litorale pontino Franca Maragoniad un sicuro bypass di Terracina da parte di comitive di camminatori che saltano la nostra città, andando direttamente da Sonnino a Monte san Biagio. Anche il recente reality di RAI3, BOEZ, realizzato lungo la via Francigena ci ha evitato.

Il Gruppo dei Dodici ci fa sapere che, in Regione, non possono validare il tratto sulla cava nella zona della Torre del pesce, contenuto nella tappa Terracina-Fondi, e che, se il Comune non realizzerà un’alternativa sicura, Terracina sarà ufficialmente eliminata dal cammino, ormai europeo, della via Francigena, da Canterbury a Santa Maria di Leuca.

Riteniamo grave – prosegue la lettera – questa evenienza, che vanificherebbe quasi un quindicennio di passaggi per la nostra città di comitive di stranieri e cittadini italiani e annullerebbe il lavoro in merito avviato da Emilio Selvaggi, uno dei Dodici.

Non vogliamo pensare che in seno alla nostra amministrazione alberghino l’insensibilità e l’indifferenza.
Riteniamo, quindi, urgente un intervento dell’Amministrazione comunale per rispondere operativamente alla richiesta della Regione Lazio, realizzando un bypass del tratto – conclude la nota – ritenuto rischioso dall’Ente regionale.”

Il Comune: “Stupore per l’allarme del WWF. Da tempo attivate tutte le azioni necessarie”

Leggiamo con stupore – afferma il vicesondaco facente funzioni Roberta Tintarila nota con cui il WWF esprime preoccupazione circa un presunto rischio di eliminazione ufficiale dal cammino europeo del tratto terracinese della Via Francigena del Sud.

Il Comune di Terracina ha, da tempo, inviato il progetto di messa in sicurezza del percorso francigeno nel nostro territorio. Ci siamo, inoltre, subito attivati rispetto agli ultimi rilievi della Regione e abbiamo in corso incontri per la certificazione.

Proprio ieri (martedì 8 ottobre, ndr) ci siamo incontrati con un rappresentante del Gruppo dei Dodici e con il dottor Roberto Battista, funzionario dell’Agenzia Regionale del Turismo, il quale ci ha confermato che per la Regione è fondamentale la tappa di Terracina e che stanno approntando tutto affinché si realizzi la messa in sicurezza. Già questa mattina – conclude la nota – abbiamo avuto una nota di riscontro dell’Agenzia Regionale che ringraziamo per la solerzia”.

L’assessore alla Cultura Barbara Cerilli precisa che “sia il Presidente del Gruppo dei Dodici Giancarlo Forte, sia il Segretario Amministrativo Gerardo Venezia, con i quali sono in frequente contatto, mi hanno espresso meraviglia riguardo l’allarme lanciato del WWF, ribadendo che il loro pensiero è difforme dalla nota dell’associazione ambientalista.

Mi hanno confermato – prosegue la nota – che reputano positiva l’azione del Comune il quale si è subito attivato rispetto ai rilievi della Regione Lazio e che il Gruppo dei Dodici è, come sempre, animato da un convinto spirito di collaborazione con l’Amministrazione comunale, giudicando importantissimo il passaggio dei pellegrini a Terracina.

Desidero tranquillizzare tutti: abbiamo assunto da tempo tutte le iniziative necessarie a inserire l’intero percorso presente nel territorio di Terracina nel cammino europeo della Via Francigena, confortata anche dal sostegno ricevuto da Regione e Gruppo dei Dodici, che – conclude la nota – confermano l’importanza di Terracina e la volontà di includerla nel prestigioso circuito”.

(Il Faro on line)