Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, è giallo sui colpi di Diabolik

Mascherato come Diabolik un ladro scassina a Ostia tre negozi nella notte ma se ne va senza rubare o fare atti vandalici.

Ostia – Si veste di nero come Diabolik ma è un bandito atipico: dopo essere entrato in tre diversi negozi, se n’è andato a mani vuote.

È successo la notte scorsa alle 23.30 circa, nella zona di Stella Polare e a Piazza Santa Monica a Ostia, allo scattare dell’allarme della sua attività commerciale “Eato Lounge 2.0”, in via Isole del Capoverde, il proprietario Gabrio Forti, si accorge che un uomo scassinando la serranda, si è introdotto nel locale. Così in attesa dell’intervento delle forze dell’ordine, che giungono in poco tempo, ne osserva, attraverso le telecamere, ogni movimento all’interno del locale.

L’azione si svolge in pochi secondi, ma sufficienti a notare che il bandito si limita solo ad aprire qualche cassetto e a frugare tra le carte, ma non porta via ne il registratore di cassa ne il computer.

Nulla di rotto inoltre tranne la serranda, né segni evidenti di sfregio come azione che possa giustificare tanto “lavoro” inutile.

Lo stesso accade a poca distanza in altri due negozi: una profumeria in via dei Velieri e l’altro locale del Forti su Piazza Santa Monica, il ”Eato Bistrot”, come riferisce la volante allo stesso Forti, qualche ora più tardi.

I ladri infatti, che erano in realtà tre, due uomini e una donna all’esterno a fare da palo, avevano svolto le effrazioni usando la stessa modalità, anche negli altri due casi non rubando nulla.

“Sembravano comunque esperti di scasso – dichiara Gabrio Forti – dalle immagini riportate dalla registrazione delle telecamere esterne, si capisce che non hanno utilizzato attrezzi per aiutarsi”.

La banda di ladri ha operato velocemente, privilegiando i negozi senza lucchetti a palla non presenti su due delle attività colpite.

Forse solo l’attivazione dell’allarme non ha consentito di portare a termine i furti in modo proficuo. Resta mistero comunque su questa modalità operativa.