Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, Massimiliano Cappioli: “La vera Roma arriverà quando finiranno gli infortuni”.

La vecchia gloria giallorossa all'inaugurazione del Dish di Ostia, si mostra ottimista sulle sorti della sua squadra del cuore.

Più informazioni su

Ostia – Una sorpresa del fine settimana: Massimiliano Cappioli, calciatore e oggi anche allenatore romano classe ’68, in un locale del Litorale romano, in compagnia di alcuni amici che, in uno dei suoi spostamenti in Italia dall’Indonesia, dove risiede ed ha famiglia, lo hanno invitato all’inaugurazione di un nuovo Lounge Bar di Ostia, curato da Ilaria De Santis, il Dish di via Alessandro Geraldini, una piacevole realtà dove trascorrere una bella serata sul Litorale romano.

cappioli al Dish di Ostia

Massimiliano_CappioliA Cappioli, che proprio qui, nella Pescatori Calcio di Ostia, iniziò il percorso per realizzare il suo sogno da professionista – facendo il suo primo provino per la Roma – abbiamo chiesto di commentare alcuni dei passaggi più recenti della squadra giallo-rossa: “Non abbiamo visto ancora la vera Roma. L’allenatore non ha ancora potuto fare le sue scelte perché sono tutti infortunati. Ciò nonostante, la squadra si trova in un buon punto della classifica, in zona Champion League”.

La storia calcistica di Cappioli

Il centrocampista, ha alle spalle una carriera piuttosto varia di esperienze: passato dalle giovanili della Roma a quelle del Cagliari, alla Serie A, allenato da Claudio Ranieri – con il Cagliari, ha contribuito a conquistare la storica partecipazione in Coppa UEFA, prima di ritornare nel 1993-1994 alla Roma – nel dicembre 1996 va all’Udinese, dove resta un anno, poi al Bologna, e in seguito al Palermo, giocando con i rosanero due stagioni da capitano. Si trasferisce quindi al Taranto e, dopo aver raggiunto con i rossoblu la salvezza, a fine stagione lascia il calcio professionistico. A novembre 2008 inizia anche l’esperienza come allenatore del Pescatori Ostia assieme a Marco Delvecchio.

La parole su De Rossi

Il calciatore, dall’indole piuttosto dinamica, sostiene con parole di amicizia la decisione di De Rossi di cambiare, e fare esperienza all’estero, scegliendo il Boca Juniors: “Un’ottima decisione, anche perché lui non voleva più giocare in Italia, ha scelto quindi un Club prestigioso, com’è giusto, anche perché lui è un ragazzo eccezionale, un professionista serio”. Le cose sembrano essere già cambiate da queste intenzioni. Solo il tempo dirà se ci sarà un rientro a breve di Daniele, per giocare in una squadra del nostro campionato.

Più informazioni su