Seguici su

Cerca nel sito

Minturno, il sindaco Stefanelli svela i nomi dei nuovi delegati

Nicola Martone, Roberto Rotasso, Erminio Italo Di Nora e Laura Miola: questi i volti del cambiamento scelti dal sindaco di Minturno.

Minturno – Non si ferma la piccola rivoluzione voluta dal sindaco di Minturno, Gerardo Stefanelli. Se, alla fine, gli assessori sono stati riconfermati (Leggi qui), quattro novità, invece, arrivano sul piano delle deleghe esterne.

Sui suoi canali social, infatti, il sindaco ha fatto sapere che venerdì mattina ha “confermato la delega al Demanio marittimo al geometra Nicola Martone.” Martone sarà impegnato, nei prossimi mesi, a seguire l’iter di esame ed approvazione del Piano di utilizzazione degli arenili, depositato nei giorni scorsi dall’architetto Lino Morando.

Non solo. La triade maschile della nuova Minturno si completa con i volti di Roberto Rotasso, che si occuperà di economia del mare, e con Erminio Italo Di Nora, che si occuperà, invece, delle politiche ambientali.

“Ringrazio il sindaco per la fiducia accordata – ha dichiarato Di Nora – Il mio contributo gioverà, in particolare, del collegamento che ho instaurato nel tempo con la categoria di pescatori. L’obiettivo è di sostenere lo sviluppo del nostro mare, risorsa utile per il turismo a Minturno”.

Rotasso, anche lui onorato della nomina, spera, invece, di “promuovere, valorizzare e tutelare il territorio, da Monte d’Oro a Monte d’Argento, mantenendo salubre la qualità dell’acqua e dell’aria. Chiederò alla Regione Lazio – spiega, infatti – l’attuazione della delibera riguardante l’area sensibile, risalente a febbraio 2010 e ancora ferma sulla carta. Mi auguro che i risultati saranno pari all’impegno profuso”.

 

La rivoluzione si tinge di lilla

Un’altra importantissima novità, non solo sul piano politico, ma soprattutto su quello sociale e culturale è la nomina di Laura Miola come delegata alle politiche dell’inclusività sociale. Una nomina che racchiude in sé la voglia di seminare gentilezza e sensibilità nella comunità di Minturno, ma anche la capacità di “guardare tutto con occhi diversi, a non girarci dall’altra parte quando incontreremo un ostacolo”, come sottolineato dallo stesso Sindaco.

Miss WhellChair 2017, infatti, nonostante sia affetta dalla malattia di Charcot-Marie-Tooth, patologia neurologica che riduce la deambulazione, non si è mai fermata. Ora non solo è moglie e madre, ma anche una vera e propria “influencer di positività”, che, con la sua bellezza e il suo coraggio ha ridisegnato i confini dell’integrazione sociale.

“Mi occuperò dei problemi che tocco con mano quotidianamente – ha spiegato. – Il mio sogno è di far ottenere a Minturno la bandiera Lilla – il riconoscimento, istituito nel 2012, volto a riconoscere l’attenzione e sensibilità da parte dei Comuni verso il Turismo diversamente abile – , è lavorare al piano di eliminazione delle barriere architettoniche e all’accessibilità delle aree giochi.

Alcune cose sono già state fatte, alcune si stanno facendo, ma sono ancora tante le sfide che ci attendono. Non è un’utopia trasformare il Paese, rendendolo vivibile per tutti, ma – ha concluso – un valore aggiunto”.

(Il Faro on line)