Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, L. Ludovici (Lega): “Sono tante le discariche a cielo aperto che non vengono sequestrate”

Un'area che desta preoccupazione al consigliere leghista è quella nei pressi della palazzina “D” del complesso immobiliare "Lido delle Salzare"

Ardea – La capogruppo e coordinatrice della Lega Luana Ludovici, nonché presidente della commissione trasparenza e verifica atti, si complimenta con il comandante della municipale Col. Avv. Sergio Ierace, per la brillante operazione ambientale della polizia municipale di Ardea effettuata su segnalazione delle Guardie Ecozoofile, che ha portato al sequestro giudiziario di un terreno in zona Montagnano, confinante con il Fosso della Pescarella.

La consigliera fa notare, come tante sono le discariche a cielo aperto che abbondano nel territorio e che non vengono ancora poste sotto sequestro giudiziario o fatte immediatamente bonificare.

Una delle tante che desta maggior preoccupazione alla consigliera è quella a ridosso della palazzina “D” del complesso immobiliare di Lido delle Salzare, una discarica più volte in questi ultimi mesi visitata dalla stessa consigliera e dai vigili del fuoco di Pomezia intervenuti tante volte causa incendi di rifiuti che ignoti davano alle fiamme, una situazione che ben conoscono i locali carabinieri e agenti della stessa municipale più volte intervenuti.

Una discarica a ridosso delle abitazioni dove giocano bambini di ogni nazionalità compreso quella italiana. Bambini di etnia Rom e non, esposti a rischio epidemie più volte segnalate dalla consigliera leghista e non solo, e mai che si è preso un provvedimento risolutorio. Va fatto notare come servizi giornalistici di televisioni nazionali e locali si sono interessate al problema, servizi televisivi e giornalistici in genere che però non hanno scosso la sensibilità dei politici fatta eccezione della consigliera leghista.

La stessa, considerando la sensibilità e l’alta professionalità del comandante Ierace si augura che possa agire con la stessa rapidità con la quale ha agito nel sequestrare la discarica sulla riva del Fosso della Pescarella in zona Montagnano. La consigliera leghista Luana Ludovici, conclude ricordando alcune delle perenni discariche che insistono sul territorio anche di materiale tossico nocivo come quelle su via del Radiofaro, o quelle della cava di via delle Valli di Santa Lucia, o della zona di via dei Casali di San Lorenzo, di via di Monte del Lupo, e l’elenco sarebbe lungo.

Va anche detto che più volte alcune di queste discariche non si sono potute bonificare per mancanza di soldi e che la bonifica avvenuta sotto l’amministrazione dell’ex sindaco Luca Di Fiori è costata alle casse comunali oltre 90.000,00 euro, ma la salute dei cittadini è primaria ed il primo responsabile è lo stesso sindaco. La mancanza di soldi comunque non giustifica un rischio epidemia che potrebbero contrarre i bambini che per il fatto che non vanno a scuola giocano dalla mattina alla sera sui rifiuti.

(Il Faro online)