Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Vito Dell’Aquila campione europeo: “Favoloso vincere in Italia, soprattutto in Puglia” foto

Festeggia il taekwondo italiano il suo campione europeo senior. Agli Europei in svolgimento a Bari, dove l'Italia moltiplica allori, il talento classe 2000 ha scritto la storia della disciplina. Di Brindisi, dedica la medaglia alla sua terra

Bari – Nei giorni in cui un altro giovane azzurro festeggia il primato sul mondo nella sua disciplina sportiva (Marco Gradoni nella vela, che ha vinto il World Sailor of the Year) (leggi qui), sotto il cielo italiano arriva un altro oro ad onorare talenti azzurri giovanissimi.

E’ proprio oggi il suo compleanno. Vito Dell’Aquila si è appena messo al collo l’oro continentale in un taekwondo che dal 2012, dopo la medaglia d’oro olimpica vinta da Carlo Molfetta nel peso degli 80 kg, è in perenne crescita in Italia e nel mondo per gli italiani. L’atleta dei Carabinieri ha vinto. Lo ha fatto a Bari due giorni fa e dichiara: “Ho pensato a quante persone erano venute apposta per vedermi, insomma non potevo perdere”. Lo ha sottolineato Vito. Il neo campione europeo italiano nei 58 chilogrammi. Tutte gambe e colpi veloci che hanno messo al tappeto un forte avversario. In finale e sotto le luci del Pala Florio Dell’Aquila si è preso il suo titolo personale: “Sono davvero consapevole di potercela fare anche di misura”.

Lo chiarisce ancora a margine della vittoria. Sul sito ufficiale di taekwondoitalia.it l’appena campione europeo entrato nella storia della disciplina italiana, si emoziona, festeggia e gioisce. Abbraccia. E ringrazia. Allenatori, famiglia, amici e pubblico. Lo fa soprattutto nei confronti del suo Maestro di palestra Roberto Baglivo. Compie 19 anni con una lunga, lunghissima strada da percorrere in carriera. A un anno da Tokyo 2020. E ha messo in cascina quei punti preziosi che potrebbero portarlo alle sue prime Olimpiadi Estive.

Nel circuito internazionale della Coppa del Mondo di taekwondo Vito ha già due medaglie di bronzo al collo. Lo dice lui stesso: “E se a queste – sottolinea Vito – ci aggiungo anche il bronzo mondiale e il bronzo dello scorso europeo, in cui tra l’altro perdetti da sciocco per ammonizioni, beh diciamo che finalmente con questo oro mi sono sbloccato! Ora però vorrei riuscirci anche al GP”. Appuntamento a dicembre. A Mosca si scenderà di nuovo sul tatami del taekwondo e il campione europeo e bronzo mondiale 2017 non si arrende.

E dedica il suo speciale oro della storia alla Puglia: “Dedico la mia vittoria a tutta l’Italia, ma in particolare alla Puglia”. E’ di Mesagne il bronzo europeo 2018. E alzare l’oro della vittoria in casa ad alcuni chilometri da Brindisi è stato eccezionale. Una emozione che non si dimentica: “Vincere in Italia è speciale, ma vincere in Puglia lo è ancora di più! Sono felicissimo”.

(Il Faro on line)(foto@fitafacebook)