Seguici su

Cerca nel sito

Lazio-Celtic, gara da dentro o fuori per i biancocelesti

Simone Inzaghi: "Dobbiamo vincere, dare seguito con un’ottima prestazione. Troviamo una squadra fisica con ottime qualità individuali"

Roma – Le ultime belle prestazioni della Lazio con gli ottimi risultati ottenuti, devono trovare continuità questa sera allo Stadio Olimpico della Capitale, nella gara che i biancocelesti disputeranno contro gli scozzesi del Celtic.

Celtic che, sostenuto da circa novemila tifosi biancoverdi, verrà nella città eterna per tentare di confermare e mantenere la sua  posizione nel girone. E per i ragazzi di Mister Inzaghi non sarà una gara facile. L’allenatore della Lazio dovrà anche considerare che in questo periodo si stanno giocando partite di campionato e di Europa League ogni tre giorni. Pertanto, se non questa sera, perché la partita è molto importante e la posta in palio è altissima (la Lazio si gioca la possibilità di continuare la corsa in Europa), forse per domenica, in casa contro il Lecce, potremmo aspettarci di assistere ad un Turnover.

A parte Strakosha e Acerbi che sono, oramai, pedine inamovibili in difesa, per i due laterali difensivi, si giocheranno una maglia Luiz Felipe, Patric, Vavro e Bastos.

A centrocampo, causa la squalifica, non sarà considerato Cataldi che, probabilmente, avrebbe giocato e pensiamo, comunque, che Mister Inzaghi lo utilizzerà contro il Lecce, nella prossima di campionato, sin dall’inizio.

Marusic ha un problema alla coscia e salterà, oltre al Celtic, probabilmente, anche Lecce. Inevitabile sulla fascia destra esterna di centrocampo, la presenza del bravo Lazzari. Nel caso in cui Luis Alberto non dovesse farcela (“acciacchi” anche per lui), il terzetto di centrocampo dovrebbe presentarsi con Leiva al centro, interno a destra Milinkovic-Savic; interno di sinistra Parolo e sulla fascia esterna sinistra, Jony.

Davanti, Immobile dovrebbe far coppia con Caicedo, perché Correa è infortunato.

Le dichiarazioni degli allenatori nel pre-gara

S. Inzaghi – “Dobbiamo vincere, dare seguito con un’ottima prestazione. Troviamo una squadra fisica con ottime qualità individuali. Bisognerà soffrire tutti insieme, il Celtic è organizzato. Veniamo da tre partite molto dure, che ci hanno portato via delle energie. Dovrò cercare di capire, nelle prossime ventiquattro ore, i giocatori che potrò recuperare. La Curva Nord è chiusa, sappiamo cosa rappresenta per noi. In questo avvio abbiamo avuto sempre tanto seguito, so che verranno anche tanti tifosi del Celtic, speriamo sia una bella serata di sport e che vinca la Lazio. Luis Alberto non è una sorpresa, sta avendo continuità da due anni e mezzo. Ha avuto qualche calo di rendimento dovuto a qualche problema fisico. Ho cercato di far coesistere Immobile, Correa e Luis Alberto. Sanno che devono dare una mano anche nella fase difensiva”.

Lennon – “E’ una partita molto importante, la Lazio ha molte qualità. È bello essere qui. Sarà difficile, loro hanno vinto a San Siro e sono in fiducia. Noi vogliamo vincere, siamo preparati e con le nostre qualità cercheremo di arrivare al successo. McGregor è un giocatore fantastico, si sente totalmente impegnato in questo club. Gioca in questa squadra da quando è piccolo, facendosi largo e dedicando tutta la sua vita al Celtic. È un talento enorme. Ha capacità innate dimostrando una vera etica del lavoro in tutti questi anni con la squadra. Il duro lavoro alla fine lo sta consacrando come uno dei migliori nel suo Paese. Nel calcio scozzese e in Europa ha regolarmente offerto le migliori prestazioni”.

Le probabili formazioni

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Vavro, Acerbi; Lazzari, Parolo, Leiva, Milinkovic, Jony; Caicedo, Immobile.

A disp.: Proto, Patric, Bastos, Luis Alberto, Berisha, Adekanye 

All. Inzaghi.

CELTIC (4-3-3): Forster; Frimpong, Jullien, Ajer, Elhamed; Christie, Brown, McGregor; Forrest, Edouard, Elyounoussi.

All. Lennon.

 

ARBITRO: Stieler (GER)
ASSISTENTI: Gittelmann e Pikel
IV UOMO: Osmers

 

 

(Il Faro online)