Seguici su

Cerca nel sito

Usi civici, il M5s di Civitavecchia: “La Regione intervenga subito”

"Non è concepibile che la Regione continui a delegare l’Università Agraria per fare le verifiche demaniali"

Civitavecchia – “La sentenza del 25 ottobre 2019 del Commissario agli Usi Civici, che ha visto soccombere l’Università Agraria, ha dimostrato che gli Usi Civici nel territorio della tenuta della Bandita delle Mortelle sono inesistenti. Infatti, se è vero che il dispositivo si applica alla particella 1067, le motivazioni della sentenza riguardano tutta la Bandita delle Mortelle”, si legge in una nota diffusa dal Movimento Cinque Stelle di Civitavecchia.

“Gli Usi Civici a Civitavecchia – spiegano – sono stati apposti dalla Determinazione Regionale N. AO7844 del 30 settembre 2013 che ha preso atto della sentenza n.181 del 1990 del Commissario Di Salvo e dell’atlante cartografico dell’Università Agraria del 2013. Gli errori presenti sull’Atlante Cartografico sono stati ammessi dalla stessa Università Agraria, mentre la sentenza del 1990 è stata corretta dal recente dibattimento che ha dimostrato che i terreni della Bandita delle Mortelle sono allodiali, ossia privati. Poiché i due presupposti sui quali poggia la determinazione regionale del 2013 si sono dimostrati fallaci, è necessario che la Regione la annulli il prima possibile”.

La Regione – proseguono – non fa una mera presa d’atto con le sue determinazioni, ma è lei che appone gli Usi Civici in virtù dei poteri che la legge le affida, poteri derivanti dall’articolo 1 del DPR 11/72 ultimo comma e ribaditi dal parere n.1277/79 dell’11 febbraio 1981 del Consiglio di Stato. Quindi la Regione ha facoltà di annullare la determinazione N. AO7844 e liberare Civitavecchia da un gravame inesistente. Aggiungiamo che non è concepibile che la Regione continui a delegare l’Università Agraria per fare le verifiche demaniali, visto l’evidente ed enorme conflitto d’interessi nonché gli errori dalla stessa commessi dal 2013″.

“Contrariamente a quanto sostiene l’Università Agraria, suggeriamo ai cittadini che hanno un immobile sulla Tenuta ‘Bandita delle Mortelle’ di non conciliare, ma di far valere i propri diritti davanti al Commissariato per gli Usi Civici, visto che la verità storica è stata acclarata dalle motivazioni della sentenza. La lentezza della giustizia non può diventare un punto di vantaggio per l’Università Agraria nel richiedere soldi. Sappiamo che l’Università Agraria intende ricorrere in appello, pertanto invitiamo la Regione ad agire immediatamente per evitare di vessare ulteriormente i cittadini che da cinque anni stanno aspettando per avere giustizia. Se la Regione agisce subito sarà l’Università agraria a dover dimostrare l’esistenza del gravame e, dato l’esito dell’ultima sentenza, non sarà una passeggiata e non i cittadini a dover ricorrere per liberare le proprie case”

“Per questa ragione – concludano – abbiamo presentato un ordine del giorno firmato da tutti i gruppi politici presenti in Consiglio comunale che chiede alla Regione di annullare tale determinazione e di ritirare le determinazioni propedeutiche all’approvazione dell’ultima perizia dell’Università Agraria, che dato l’esito del recente ricorso non può più essere approvata”.

(Il Faro online)