Seguici su

Cerca nel sito

Al Cineclub Cineland Luchino Visconti raccontato dai suoi “angeli nascosti”

Martedì 12 e giovedì 14 proiezione del film-documentario "Gli angeli nascosti di Luchino Visconti". Saranno presenti la regista Silvia Giulietti e uno dei collaboratori del maestro, Daniele Nannuzzi

Ostia – Evento straordinario a Cineland dove martedì 12 (ore 20,00) e giovedì 14 novembre (ore 15,00) in esclusiva per il Cineclub di Elisabetta Rossigno sarà proiettato il docufilm “Gli angeli nascosti di Luchino Visconti“. Alle due proiezioni parteciperanno la regista della pellicola, Silvia Giulietti, ed il maestro della fotografia cinematografica Daniele Nannuzzi, uno dei collaboratori di Visconti.

Quello realizzato da Silvia Giulietti è un prezioso omaggio ad uno dei padri del Neorealismo, autore di titoli iconici quali Ossessione (1943), La terra trema (1948), Senso (1954), Rocco e i suoi fratelli (1960), Il Gattopardo (1963). Per la prima volta se ne ripercorrono la carriera, i metodi di lavorazione, il carattere e la vita privata, attraverso lo sguardo dei suoi più stretti collaboratori, “gli angeli nascosti”, regalandone un’immagine inedita.

La Giulietti, artefice di questo piccolo gioiello, si concentra sull’essenziale, i ricordi personalissimi e diversi dei vari personaggi, ricordi scaturiti come risposte ad un’intervista immaginaria.

Ogni “angelo” si racconta nel proprio rapporto privilegiato con Visconti attraverso il filtro della propria personalità e sensibilità e porge quindi “inquadrature sull’uomo” da angolazioni di volta in volta diverse: scanzonate, nostalgiche, tenere, commosse, ma sempre accompagnate dall’orgoglio per il lavoro svolto “per” e soprattutto “con” Visconti, sempre grati per quell’ampia e meravigliosa parentesi di vita durante la quale sono stati interlocutori privilegiati di un Maestro indiscusso e indimenticato.

Un uomo che ebbe nei confronti della sua “piccola corte” di collaboratori (e non di adulatori) un atteggiamento sicuramente esigente ma anche paritario, paterno e rispettoso. Ed è proprio sul senso di rispetto del lavoro di tutti che poggia una delle eredità morali più gradite e più solide lasciate ai suoi collaboratori da un artista che, attraverso il marchio incancellabile impresso in chi ama il cinema, ha potuto ambire all’unica immortalità concessa agli uomini.
Tra le testimonianze raccolte nel film quelle di storici collaboratori di Visconti come Federico Del Zoppo, Daniele Nannuzzi, Giuseppe Berardini, Michele Cristiani, Lucio Trentin e Mario Tursi.

Saranno presenti in sala la regista Silvia Giulietti, di rara sensibilità e professionalità, (LA MORTE LEGALE, la genesi di Sacco e Vanzetti, 2018), e Daniele Nannuzzi (tra i più importanti direttori della fotografia italiani), uno degli “angeli nascosti” di Visconti, che vanta importanti collaborazioni con Ettore Scola, Dino Risi, Liliana Cavani, Carlo Lizzani, Alejandro Jodorowsky. A dialogare con loro ci saranno martedì il regista e scrittore Riccardo Fabrizi e giovedì il giornalista Giulio Mancini.

Prenotazione obbligatoria al numero 338.6289340 specificando il giorno.