Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, Virginia Raggi contestata all’ Idroscalo: stava inaugurando un complesso finanziato da Bulgari

Due facce della stessa medaglia all'Idroscalo: da una parte le case della povera gente che il Campidoglio vuole sgomberare e dall'altra un progetto finanziato dalla maison del lusso Bulgari

Ostia – Momenti di tensione stamattina all’Idroscalo: Virginia Raggi, sindaco di Roma, è stata contestata dalle famiglie minacciate di sgombero alla foce del Tevere mentre inaugurava una struttura finanziata dalla maison del lusso Bvlgari.

La sindaca di Roma Virginia Raggi è stata contestata intorno alle 11,00, all’arrivo dell’inaugurazione del nuovo “Punto Luce delle Arti” di Bvlgari e Save the Children realizzato nella ex scuola Guttuso. A urlarle contro sono stati alcuni abitanti dell’Idroscalo di Ostia, che vivono da decenni in manufatti non sanati alla foce del Tevere a rischio sgombero. Una decina di persone, per lo più donne, ha inveito contro Raggi, e la presidente del municipio X Giuliana Di Pillo, gridando «vergogna». «Per queste case che voi chiamate baracche abbiamo speso soldi. Da lì non ci muoviamo. Dove è la legalità».

«Come sapete quello dell’idroscalo è da sempre un territorio molto critico. Noi stiamo lavorando con loro. Ci sono tante richieste, alcune hanno risposte più semplici, altre più complicate. Ci vorrà del tempo per riuscire a trovare quella giusta strada per consentire loro di avere le risposte che chiedono da decenni». Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi a proposito delle contestazioni da parte di alcuni abitanti dell’idroscalo, a margine dell’inaugurazione del ‘Punto Luce delle Arti’ a Ostia. «Quello dell’idroscalo è un terreno a rischio idrogeologico – ha detto la mini sindaca del municipio X Giuliana Di PilloL’amministrazione municipale si sta interessando per cercare di risolvere una situazione che va avanti da decenni. Abbiamo chiesto un censimento che al momento è ancora in corso».

Domani, martedì 12 novembre, nella sede dell’assessorato Urbanistica si terrà un nuovo incontro «sul tema del rischio idrogeologico e possibili soluzioni per i cittadini dell’area Idroscalo nel X Municipio» convocato «dopo l’adozione della variante al Piano di Bacino del Fiume Tevere da parte del Comitato Istituzionale Autorità di Bacino». Lo fa sapere, in una nota, il Campidoglio aggiungendo che sul tema «si sono svolte già diverse riunioni tecniche». «Si tratta di una tematica complessa – afferma l’assessore all’Urbanistica Luca Montuoriin tutti i suoi aspetti, sia per quanto riguarda il tema del rischio idrogeologico dell’area sia sull’individuazione di possibili soluzioni alternative che possano garantire la sicurezza degli abitanti. Al termine dei diversi incontri si terrà un confronto con i cittadini». Per l’assessora al Patrimonio e Politiche Abitative, Valentina Vivarelli «quella delle case dell’Idroscalo di Ostia è una problematica che ha radici lontane. È previsto un nuovo censimento che dia un quadro globale aggiornato su cui lavorare all’interno di un percorso condiviso nel rispetto della sicurezza e della legalità».

Nella ex scuola “Guttuso” è stato realizzato un centro educativo con laboratori gratuiti, di cinema, fotografia ma anche progettazione di gioielli, per bambini e adolescenti. È il progetto scuola di Bvlgari e Save the Children “Punto Luce delle Arti” contro il quale Labur ha presentato una denuncia: il X Municipio non avrebbe rispettato alcuni passaggi legati alle procedure di comodato d’uso gratuito della scuola ai privati.