Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, tensioni sulla trasparenza tra opposizione e maggioranza

I consiglieri, Iotti, Neocliti, L. Ludovici, Montesi e Tarantino: "Oggi abbiamo assistito a una scena assurda: non potevamo parlare perché non eravamo stati convocati con i nuovi gruppi"

Ardea – In un comunicato stampa, i consiglieri di opposizione, Iotti, Neocliti, L. Ludovici, Montesi e Tarantino, lamentano il fatto che oggi è stato loro negato di intervenire in commissione, perché non erano stati convocati con i nuovi gruppi ma, con il vecchio assetto. Inoltre, gli stessi consiglieri, “denunciano” di non aver ricevuto nessun atto.

“Questa è l’amministrazione trasparente dei Cinquestelle – si legge nel comunicato stampa – : la convocazione dei gruppi consiliari per le commissioni è sballata e il presidente del Consiglio Comunale Lucio Zito non ha convocato la Conferenza dei Capigruppo per calendarizzare la seduta dove si deve necessariamente prendere atto della nascita di nuove realtà politiche ad Ardea“.

“Tutto questo non è stato fatto – aggiungono i consiglieri  di opposizione – ma c’è di più: questo lassismo da parte del presidente porta a convocare Commissioni con le vecchie Rappresentanze Istituzionali, con il danno che oggi ogni votazione dell’opposizione è come se fosse nulla, perché molti non rappresentano più i partiti originari. Ecco cosa significa la grande partecipazione e trasparenza dei Cinquestelle, con una Istituzionalità detta solo a parole”.

Nel comunicato stampa è specificato che – “Ai rilievi sollevati dai consiglieri di cdx presenti Iotti, Neocliti, Luana Ludovici, Montesi e Tarantino circa la mancata condivisione dei documenti da discutere il M5S ha imperturbabilmente proseguito in spregio alle obiezioni sollevate”. Inoltre, prosegue il comunicato stampa – La ex consigliera pentastellata ha inoltre eccepito sulla necessità di convocare una commissione congiunta poiché la società Ardea 2018 si era offerta di occuparsi della collocazione delle plance sul territorio comunale per la pubblicazione dei necrologi migliorando così quella parte di affissione selvaggia di manifesti“.

In conclusione, i consiglieri di opposizione chiedono la convocazione del Consiglio Comunale e non escludono il coinvolgimento dell’ANAC (Associazione Nazionale AntiCorruzione).

“Si deve convocare subito il Consiglio e il presidente nello svolgere il proprio lavoro deve prendere atto di queste modifiche intervenute nei vari gruppi consiliari e permettere a tutti i consiglieri di espletare il proprio mandato , deve dare seguito alle tante interrogazioni inevase, all’assenza di atti prodotti dall’amministrazione altrimenti lo farà il Prefetto. Oggi in Commissione abbiamo assistito a una scena assurda: non potevamo parlare perché non eravamo stati convocati con i nuovi gruppi ma con l’assetto vecchio e soprattutto, nessun atto ci era stato inviato. Una frettolosa azione che lascia spazio a dubbie interpretazioni e che il ‘cdx’ non esclude il coinvolgimento dell’ANAC. Così la Commissione si è tenuta in due, uno il rappresentante del Pd (vice presidente) e l’altro quello dei Cinquestelle (presidente)”.

Riccardo Iotti e Maurice Montesi (FdI), Neocliti (Misto), L. Ludovici (Lega), Anna Maria Tarantino (Cambiamo)

(Il Faro online)