Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, vola dal terzo piano: si indaga sul marito

La donna è grave. Dieci giorni fa era stata ricoverata per percosse ma non aveva denunciato il marito

Ostia – E’ volata giù dal terzo piano e solo per una fortunata coincidenza non è morta sul colpo. Si indaga su eventuali responsabilità del marito. La donna è in codice rosso ma dovrebbe farcela: la caduta si è attenuata su una tenda aperta per la pioggia. Il marito verrà arrestato il giorno dopo (leggi qui la notizia).

Ha riportato la frattura delle ossa nasali, alcune contusioni e la probabile rottura della milza (che la costringerà ad un intervento chirurgico) la donna di 48 anni, madre di tre bambini, che questa mattina, intorno alle ore 6, è volata giù dal terzo piano di un appartamento ad Acilia.

Sul posto si è precipitata un’ambulanza Ares 118 che ha raccolto la donna, ancora in vita, e l’ha trasportata in codice rosso al pronto soccorso dell’ospedale Grassi. Qui i medici hanno constatato la gravità delle lesioni che, pur restando riservata la prognosi, autorizzano buone speranze. La paziente è monitorata e tenuta sotto controllo a vista.

Gli investigatori che indagano sul fatto, hanno scoperto che la donna appena il 2 novembre scorso aveva fatto ricorso al pronto soccorso per una serie di contusioni inizialmente riferite al pestaggio da parte del marito. Quando, però, era arrivato il momento di denunciare l’uomo, attraverso lo Sportello Rosa, la vittima aveva firmato le dimissioni rinunciando alla denuncia.

La polizia sta indagando per accertare la posizione dell’uomo al momento del volo di questa mattina. 

Va ricordato che un’ipotesi accusatoria non equivale a una condanna, e che dunque al momento tutte le piste restano aperte. Le eventuali prove si formeranno in un’aula di tribunale.