Seguici su

Cerca nel sito

Giornata delle dimore storiche del Lazio, appuntamento alla Torre di Scauri e al Castello di Minturno

Il Sindaco di Minturno: "Abbiamo condivo il progetto per supportare la bellezza dei nostri luoghi, promuoverndoli e dando impulso allo sviluppo del comprensorio."

Minturno – È in arrivo la “Giornata delle dimore storiche del Lazio”. Si presenta come un’occasione per scoprire una parte del grande patrimonio regionale, formato da ville, parchi, giardini e complessi architettonici, ricchi di fascino e di suggestione.

L’iniziativa fa seguito alla costituzione della “Rete delle dimore storiche”, avvenuta nel 2017 in esecuzione della Legge Regionale n. 8/2016, che riunisce, al momento, 137 siti pubblici e privati, prescelti mediante avvisi. Tramite il lavoro dell’Ufficio municipale Turismo-Cultura e dell’Ufficio IAT di Scauri, il Comune di Minturno ha aderito alla suddetta Rete, segnalando il Castello Ducale (del quale fu ospite nel 1272 San Tommaso d’Aquino), l’ex fabbrica di mattoni “Sieci” (chiusa nel 1982 dopo un secolo di attività), la Torre di Scauri (eretta sul Monte d’Oro nel XVI secolo per difendere il litorale dalle invasioni dei Turchi) e la Villa Franco di Scauri vecchia, in cui ricadono un tratto delle Mura Megalitiche di Pirae (V-IV sec. a.C.), i resti della villa del console romano Marco Emilio Scauro (II-I sec. a.C.) e la Torre dei Molini (XIV sec.). Sono ora al vaglio degli uffici regionali le istanze, di recente presentate, per il Parco Robinson (Minturno) e la Casa dei Bambini (Scauri vecchia).

Il monumento situato sul Monte d’Oro ed il Castello di Minturno sono stati individuati per lo svolgimento della “Giornata delle dimore storiche del Lazio”, in programma domenica 17 novembre. Alle ore 10,30 e alle 11,30, presso la Torre e sull’altura scaurese (che fa parte del Parco Regionale Riviera di Ulisse), si terrà la visita guidata e gratuita a cura dell’architetto Cesare Crova, componente della Giunta Nazionale di Italia Nostra Onlus, associazione ambientalista che nel 1985-87, insieme ad Arci e Lipu, si batté per l’istituzione dell’Area protetta di Gianola-Monte di Scauri.

Alle ore 16, presso il Castello di Minturno, l’architetto Cesare Crova condurrà un’altra visita guidata e gratuita nelle sale e nei locali dell’antico maniero. L’evento è promosso dal Comune e dalla Regione, in collaborazione con l’Ente Parco Riviera di Ulisse, Italia Nostra, il consorzio Vivi Minturno Scauri e la Pro Loco.

“L’Amministrazione civica – dichiarano il Sindaco Gerardo Stefanelli e l’Assessore Comunale alla Cultura Immacolata Nuzzo – ha condiviso il progetto regionale, volto a valorizzare il patrimonio, perché è convinta del fatto che occorra supportare la bellezza dei nostri luoghi, allo scopo di promuoverli adeguatamente e di dare impulso allo sviluppo del comprensorio, dell’economia locale ed, in particolare, del turismo.

La Torre di Scauri e il Castello di Minturno – conclude la nota – rappresentano alcuni dei simboli della storia locale e sono inseriti in questa rete laziale che raggruppa monumenti e siti di grande pregio e fascino.”

(Il Faro on line)