Seguici su

Cerca nel sito

Palafersini, Calicchio: “La Lega non dia a noi colpe che sono del centrodestra”

L'assessore allo Sport: "In un'epoca in cui i fondi non mancavano, il centrodestra scelse di fare le cose in modo superficiale lasciando alla città un'eredita letteralmente instabile"

Fiumicino – “Mi rendo conto che la memoria non è un valore coltivato, nel centro destra. Quindi mi corre l’obbligo di ricordare all’opposizione come stanno le cose a proposito del Palazzetto dello Sport“. Lo dichiara l’assessore allo Sport Paolo Calicchio.

I mali di quella costruzione sono antichi e risalgono, guarda caso, proprio alle giunte di centro destra – spiega Calicchio -. Il terreno su cui sorge il Palazzetto avrebbe dovuto essere acquisito dalle giunte Canapini, ma non è mai avvenuto. Chissà come si fece, allora, a fare un bando in queste condizioni. Ma non è tutto. Sul bando stesso pesano non poche domande: dov’è il bar i 200 metri quadri previsto? Dov’è la documentazione sulle verifiche? Com’è stato possibile collaudarlo?”.

“Il contenzioso giudiziario nato all’epoca rese impossibile la manutenzione – prosegue l’assessore – e fece sì che il vecchio gestore si limitasse alla quotidianità”.

“Noi siamo stati costretti a chiudere quel Palazzetto, e non senza dispiacere, per questioni di sicurezza – sottolinea Calicchio – perché non c’è niente che vada bene, là dentro. In un’epoca in cui i fondi non mancavano, il centrodestra scelse di fare le cose in modo superficiale lasciando alla città un’eredita letteralmente instabile”.

“Ora dà la colpa a noi – conclude l’assessore -. Ma deve essere il ‘metodo Lega’. Come a Venezia dove governano da 25 anni in Regione, ma la colpa del Mose che non funziona è degli altri”.

(Il Faro online)