Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, Tarantino (Cambiamo) replica alle affermazioni del Sindaco

Tarantino: "Trovo singolari tutte le affermazioni fatte dal Sindaco contro la mia persona, a cui ho fatto anche da segretaria"

Ardea – “Trovo singolari tutte le affermazioni fatte dal Sindaco contro la mia persona sopratutto dopo aver trascorso mesi letteralmente gomito a gomito, di impegno comune. Troppo tempo ho trascorso al suo fianco, e su sua diretta richiesta sono arrivata persino a fargli da segretaria, visto che non aveva personale di segreteria che gioco forza non aveva potuto mantenere per i vincoli di bilancio“.

Apre così il suo comunicato stampa, il consigliere ex pentastellato Anna Maria Tarantino, ora passata al gruppo del governatore della Liguria, Giovanni Toti, “Cambiamo“.

“In quei mesi ho fatto di tutto – prosegue Tarantino -, dalla gestione dell’agenda fino a proteggerlo da attacchi e tentativi di irruzione nella casa comunale ad opera di cittadini infuriati.Troppe volte ho ingoiato bocconi amari perché il mio stesso gruppo consiliare, non sapendo spesso come e con quale spirito di sacrificio trascorressi le mie giornate al suo fianco, ha nutrito sfiducia nei miei confronti. Gelosia? Forse tanta. Mai avrei pensato di poter diventare un suo errore”.

Il consigliere Tarantino continua nel suo comunicato mettendo in risalto una pratica contrastante che, evidentemente, sta andando stretta a molti consiglieri locali del M5S, ovvero, da una parte rendere pubbliche alcune situazioni intrinseche al Governo locale che non interessano ai cittadini e che sono frutto di rapporti interni quotidiani; dall’altra rileva la mancanza, all’interno del gruppo stesso, di una libertà di parola e pensiero. Libertà tanto decantata in tutte le piazze italiane al momento della scalata, da parte del partito di “Casaleggio & Co.“, nelle stanze istituzionali dello Stato.

“Resto altresì perplessa e attonita – aggiunge il Consigliere – nel rilevare come da un lato citi il patto di corresponsabilità che abbiamo condiviso ad inizio mandato e contemporaneamente mette in piazza dinamiche interne che ai cittadini poco importano. E cosa ne pensa il rimanente gruppo di maggioranza? A lui è permesso? Avranno da replicare o nicchieranno come sono soliti fare? Probabilmente non lo sapremo mai. Se poi tanto ardore serve a riabilitarsi con persone da cui si era allontanato scaricando ingiustamente la responsabilità dell’accaduto ad altri, spero che almeno questo gli serva a recuperare rapporti umani“.

Infine, la Tarantino invita il suo ex Movimento e lo stesso Sindaco a tralasciare le parole e a dedicarsi di più con i fatti nel promuovere e mettere in atto, concretamente, soluzioni ai problemi che investono la città di Ardea. Atti che non sono stati prodotti dalla maggioranza e che hanno contribuito a far allontanare il consigliere ex pentastellato dal M5S.

“Al giro di boa di una legislatura – precisa Tarantino – il cittadino non tappa le buche con le telenovelas girate alla Rocca. Al cittadino non importa chi ha detto cosa: il cittadino attende fatti. I fatti, ahimè, accadono non per volere di questa amministrazione, e di sicuro non per espressa volontà politica. Stento infatti a ricordare un solo fattivo provvedimento, al di là dei regolamenti, che questa maggioranza sia riuscita a decidere ed imporre. Ciò che è stato fatto finora è stato fatto di Giunta, della quasi totalità dei casi. Ecco perché ho deciso di chiudere l’esperienza con il M5S, ma Mario Savarese non può dire queste cose per ingraziarsi gli altri di maggioranza, sempre di meno….perché non è così che si dimostra peso politico”.

Ardea oggi è all’angolo – sottolinea il consigliere e aggiunge -, le sue imprese sono sempre più in ginocchio. Bisogna cambiare e non fare la politica delle piccole cose!”

Il consigliere conclude il suo comunicato rivolgendosi in modo diretto al Sindaco:  “Non mi venire a dire che togliere quattro affitti piccoli per prenderne uno grande sia la rivoluzione delle rivoluzioni!“.

Lo dichiara in un comunicato stampa il consigliere comunale Anna Maria Tarantino (Cambiamo).

(Il Faro online)