Seguici su

Cerca nel sito

Flamenco in aeroporto, a Fiumicino il flash mob contro la violenza sulle donne foto

De Carolis: "Il messaggio che vorrei lanciare è che la sensibilizzazione su questo tema delicato non debba fermarsi solo al 25 novembre, bensì tutti i giorni dell'anno"

Fiumicino – Flash mob di flamenco questa mattina all’aeroporto di Fiumicino in occasione della “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”, istituita per la prima volta nel 1999 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e che da allora rappresenta il momento più importante dell’anno per parlare, informare e sensibilizzare su questo grave problema che riguarda tutti i Paesi del mondo.

flash mob aeroporto

L’iniziativa, ideata dalla società di gestione Aeroporti di Roma, ha visto la partecipazione di una ventina di danzatrici di Studio Flamenco Roma che vestite di rosso, dirette dalla docente e coreografa Lorena Salis, hanno eseguito nella hall partenze del terminal 3 la loro performance, a lungo applaudita al termine da centinaia di passeggeri muniti di tablet e smartphone per le riprese, tratta da “Mujeres, il flamenco contro la violenza sulle donne”.

Contestualmente all’esibizione di flamenco, gli operatori aeroportuali hanno indossato magliette recanti la scritta “Respect me” a sostegno di “Associazione Libera…Mente Donna ets”, realtà che dal 1998 si occupa attivamente di dare corso ad un progetto culturale, formativo ed informativo rivolto in primo luogo alle donne e che dal 2014 gestisce alcuni centri antiviolenza, spazi di accoglienza, sostegno e ospitalità per le vittime di violenza domestica.

“Con questo toccante flash mob che ha scosso il cuore di tutti e attirato l’attenzione di molti passeggeri, la società di gestione Aeroporti di Roma – ha commentato l’a.d. Ugo de Carolis, anch’egli con indosso la maglietta con su scritto ‘Respect me’ – ha voluto sostenere una Giornata che oggi si celebra in tutto il mondo. Il messaggio che vorrei lanciare è che la sensibilizzazione su questo tema delicato non debba fermarsi solo al 25 novembre, bensì tutti i giorni dell’anno”.

In Italia le donne vittime di violenza sono 88 al giorno, circa una ogni 15 minuti. Il 36% subisce maltrattamenti, il 27% stalking, il 9% violenza sessuale e il 16% percosse.

(Il Faro online)