Seguici su

Cerca nel sito

Maltempo a Latina e Fondi, i Consorzi di bonifica al lavoro giorno e notte per prevenire situazioni di pericolo

A Fondi l'innalzamento del livello delle acque del Lago e quello del livello del mare, hanno impedito un efficace funzionamento delle idrovore consortili.

Latina e Fondi – Giorno e notte. Senza soluzione di continuità. Per intervenire sulle emergenze e per prevenire situazioni di pericolo. Per garantire la sicurezza dei cittadini, delle abitazioni, delle strutture produttive.

Anche nell’ultima settimana i Consorzi di bonifica Agro e Sud Pontino hanno presidiato il territorio di Latina e Fondi, mantenendo in campo tutte le risorse a disposizione in termini di uomini e mezzi per mitigare gli effetti della nuova ondata di maltempo che si è abbattuta sul Paese. Le situazioni più critiche sono monitorate costantemente anche in queste ore di tregua.

Per quanto riguarda il comprensorio dell’Agro Pontino, nel bacino imbrifero di Calambra, a Terracina, permangono aree allagate tra Migliara 57 e via Macchiarella: lì resta posizionata e monitorata la gazzina collocata sul collettore a supporto dell’impianto, come anche presso l’impianto Caposelce. Le squadre hanno rimosso ostruzioni sul Fosso Rocco Matto Superiore in località Capo Croce, a Sonnino, con l’ausilio del Comune perché in alcuni tratti del Fosso sono state realizzate opere non autorizzate che impediscono il transito dei mezzi. Sono stati riscavati alcuni tratti dei Fossi Tavolato e Migliara, a Pontinia che risultavano ostruiti alla confluenza del Canale Botte.

Riscavato anche il Fosso Migliara 46, Sezze. Operazioni tempestive e risolutive che hanno scongiurato disagi alle comunità e danni alle attività produttive e alle coltivazioni. Nel territorio di Fondi l’innalzamento del livello delle acque del Lago, dovuto ai deflussi provenienti dai torrenti montani, e quello concomitante del livello del mare, hanno impedito un efficace funzionamento delle idrovore consortili. Proprio per la contemporaneità dei due fenomeni sopra descritti – nonostante le manutenzioni del complesso reticolo consortile fossero state effettuate regolarmente sui canali Portella, Caringi, Fosso Sant’Antonio, Collettore Principale Pantano

Grande ed affluenti e nonostante si sia provveduto alle trinciature lungo l’arginatura del Lago di Fondi – si sono registrate alcune criticità nelle aree più depresse del comprensorio. In alcuni punti, per contenere i disagi della popolazione, sono state eseguite ricariche arginali. Non a caso Latina e Fondi, pur se colpite pesantemente dal maltempo, non sono ricomprese nel purtroppo lungo elenco dei territori italiani devastati dalla furia dell’acqua e del vento: gli interventi di manutenzione sui canali e sulla rete scolante e quelli finalizzati alla prevenzione del dissesto idrogeologico sono stati promossi e avviati dai Consorzi Agro e Sud Pontino già in estate, come da programmazione predisposta in largo anticipo dal direttore Natalino Corbo e approvata dal commissario Sonia Ricci.

(Il Faro on line)