Seguici su

Cerca nel sito

Ladispoli, dosi di hashish nascoste nel ristorante: arrestato il cuoco

Lo stupefacente era occultato nell'armadietto personale sul luogo di lavoro di un 23. In manette anche un 27enne: in casa una piantagione di marijuana

Ladispoli – Nel corso di servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati inerenti gli stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Civitavecchia hanno arrestato due persone per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

In particolare, i Carabinieri della Stazione di Ladispoli, unitamente ai militari del Nucleo Cinofili di Roma – Santa Maria di Galeria, hanno proceduto al controllo e alla perquisizione dell’abitazione di un 27enne del luogo, oggetto di attenzione da alcuni giorni per i suoi movimenti sospetti e per un insolito andirivieni nei pressi del suo appartamento.

All’interno di una stanza, i Carabinieri hanno rinvenuto una serra con 4 piante di marijuana e oltre 1,5 kg della stessa sostanza già essiccata. Quanto rinvenuto, che immesso nel mercato della droga avrebbe fruttato svariate migliaia di euro, è stato sottoposto a sequestro.

Nell’ambito della stessa operazione, i Carabinieri hanno arrestato un 23enne, controllato presso un ristorante del luogo dove svolgeva la sua attività lavorativa in qualità di cuoco, trovandolo in possesso di 83 g di hashish, occultati all’interno del suo armadietto personale.

Gli arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari presso le rispettive abitazioni, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria.

(Il Faro online)