Seguici su

Cerca nel sito

Tarquinia, fervono i preparativi del Presepe vivente

La rappresentazione è in programma il 26 e 29 dicembre e il 6 gennaio al borgo della chiesa di Santa Maria in Castello

Tarquinia – Tarquinia città del presepe. Manca meno di un mese al Natale e i volontari dell’associazione Presepe vivente di Tarquinia sono a lavoro per gli allestimenti. Saranno anche quest’anno oltre 300 i figuranti che parteciperanno alla rappresentazione, in programma il 26 e 29 dicembre e il 6 gennaio, alle 17, al borgo della chiesa di Santa Maria in Castello. Porta d’ingresso alla rievocazione il torrione detto di Matilde di Canossa.

Clicca per ingrandire

Soldati romani, pastori, artigiani, commercianti, popolo, fachiri, luci e suoni accompagneranno il visitatore lungo il percorso portandolo di fronte alla chiesa di Santa Maria in Castello, in uno degli scenari più belli del centro storico. Per poi proseguire e superare l’arco a fianco del monumento simbolo della città etrusca e vivere l’atmosfera raccolta della Natività. “Una volta usciti dal presepe, le sorprese non finiscono – afferma l’associazione Presepe vivente di Tarquinia -. I visitatori continueranno sul suggestivo percorso pedonale che passa sotto le mura medievali, fino ad arrivare alla chiesa di Valverde e da lì arrivare alla Barriera San Giusto. Non sveliamo altri dettagli. Li daremo nelle prossime settimane. Possiamo dire che il cambio di location comporterà molte novità e riadattamenti delle scenografie”.

Il Presepe vivente di Tarquinia è organizzato in collaborazione con il Comune di Tarquinia, la Proloco Tarquinia, il comitato di quartiere San Martino, l’associazione Anziani con l’hobby del modellismo, la Pro Tarquinia ed è patrocinato dalla Regione Lazio (Lazio eterna scoperta), dalla Provincia di Viterbo e dalla Diocesi di Civitavecchia e Tarquinia.

(Il Faro online)