Seguici su

Cerca nel sito

“Cambiamo con Toti” apre un nuovo circolo ad Ardea

All'appuntamento presenti Stefano Bernardi, Massimiliano Giordani e Adriano Palozzi

Ardea – E’ stato inaugurato un altro circolo del neo partito “Cambiamo con Toti”, presidente Stefano Bernardi. All’appuntamento erano presenti il consigliere comunale Massimiliano Giordani e il consigliere regionale Adriano Palozzi, oltre ovviamente a numerosi nuovi iscritti a sostegno del gruppo.

Il neo presidente ha ringraziato quanti hanno scelto di aderire al circolo, che ha come primario interesse la soluzione dei problemi di Ardea, con particolare riferimento alla risoluzione dei problemi dell’arenile, volano importante per l’economia del paese.

Giordani ha ricordato come nel nuovo partito ci sia spazio per tutti, e come tutto parta dalla base, un partito dove – è stato detto – saranno gli iscritti ai circoli a seguire e consigliare i futuri eletti in Consiglio comunale. Intervento finale dell’on. Adriano Palozzi, consigliere regionale per la seconda volta eletto come il più votato.

Grande entusiasmo tra i nuovi iscritti, che vedono nell’idea di Toti la possibilità di poter esprimere le proprie proposte per il bene del paese. La democrazia e la partecipazione come base di tutto, superando il concetto dei partiti legati ad un solo leader padre-padrone delle sorti politiche di una comunità.

“Per me e tutto il nostro gruppo – ha sottolineato Bernardi – è un piacere far parte della grande famiglia del presidente Toti. Crediamo molto in questo movimento politico e abbiamo deciso di metterci la faccia in un territorio difficile, come quello di Ardea, mal governato e messo in ginocchio dal Movimento 5 Stelle”.

Queste, invece, le parole di Adriano Palozzi e Massimiliano Giordani: “E’ bello vedere come la fiducia e la stima in “Cambiamo” crescano naturalmente, giorno dopo giorno, e con grande slancio su tutto il territorio provinciale. E’ il segno tangibile che c’è grande interesse sul nostro progetto, al quale hanno aderito e stanno aderendo tanti cittadini, esponenti locali e amministratori”.