Seguici su

Cerca nel sito

Natale a Roma con “Spelacchio” vocale e via del Corso tra luci e cinema

Inaugurato l'albero di Natale a piazza Venezia: ci si può parlare. In via del Corso 190 km di fibra ottica e maxischermi che proiettano film

Roma – Sarà un Natale luminoso ma anche vocale e visivo. E’ stato inaugurato ieri, domenica 8 dicembre, l’allestimento scenografico del Centro storico tra lo “Spelacchio” di piazza Venezia e le speciali luminarie di via del Corso.

L’albero di Natale è un abete naturale di tipo Abies Nordmanniana, di oltre 22 metri di altezza e proveniente da Cittiglio (Varese). È illuminato, 24 ore al giorno, con 80mila luci led, a basso consumo energetico, con 1.000 addobbi tra sfere e cristalli di neve. I colori predominanti per luci e addobbi sono rosso e oro, con un tocco d’argento, per valorizzare l’allestimento tradizionale. Il puntale, alto 1,5 metri, ha la forma di una stella cometa.

Spelacchio, l’albero di natale che domina piazza Venezia

La novità dell’anno è che si può interloquire con “Spelacchio“, un po’ come accade con Alexa di Amazon o l’assistente vocale Google Home. Ad aggiudicarsi la sponsorizzazione tecnica per la realizzazione del tradizionale albero di Natale è stata IGPDecaux. I costi totali dell’allestimento sono a carico dello sponsor Netflix. L’operazione, quindi, per l’Amministrazione comunale è a costo zero.
Prevista anche quest’anno un’area interaction per famiglie e bambini ispirata al primo film di animazione di Netflix, Klaus, dove sarà possibile scattare foto in compagnia di Jesper e Klaus. Ci sarà inoltre la possibilità di inviare le tradizionali letterine attraverso un ufficio postale interattivo realizzato completamente a misura di bambino.

VIA DEL CORSO TRA CINEMA E FIBRA OTTICA

Le nuove luminarie natalizie realizzate dal gruppo Acea a piazza Venezia e in via del Corso hanno l’obiettivo di raccontare Roma attraverso le immagini, i film ed i volti degli attori e delle attrici che l’hanno resa famosa in tutto il mondo. Il progetto di quest’anno si chiama «Roma by light Aceatm» ed è stato ideato dallo Studio Medaarch di Cava dè Tirreni, vincitore del concorso internazionale di idee «Make Christmas Lights Acea» lanciato dalla multiutility in collaborazione con Maker Faire Rome – The European Edition. Per illuminare i 1.500 metri di Via del Corso, come spiega Acea, «sono stati impiegati circa 190 chilometri di fibra ottica, 115 fasci di luce composti da 300 code luminose, in grado di ridurre del 45% il consumo energetico giornaliero dell’installazione, e 10 schermi al led di quattro metri per due, collegati ad una App». In Via del Corso è stata ricostruita l’immagine di un cielo stellato. E’ in questo contesto che sono stati installati i dieci schermi che proiettano immagini tratte da settanta film, italiani e stranieri, legati alla storia del cinema e alla storia di Roma.

Dai capolavori del neorealismo, come «Roma città aperta» e «Mamma Roma», alla commedia all’italiana, con «Campo dei fiori» e «Il sorpasso», fino ai film più recenti di Carlo Verdone, Woody Allen e Paolo Sorrentino. «Anche quest’anno le tradizionali luminarie natalizie sono state realizzate da Acea ma questa volta – ha sottolineato l’amministratore delegato, Stefano Antonio Donnarummasi tratta di un progetto fortemente innovativo». «Non delle semplici luci natalizie ma una vera e propria installazione sul modello delle illuminazioni museali, attraverso un concorso internazionale di idee. L’effetto cielo stellato, insieme alle immagini dei film che hanno reso celebre Roma contribuiranno a rendere ancora più bella e suggestiva l’atmosfera natalizia di Roma, dove tutti potremo vivere insieme la magia delle feste», gli fa eco la sindaca Virginia Raggi.

L’effetto di “tetto stellato” con le luminarie di via del Corso

Ripetuta anche quest’anno la navetta dello shopping che sarà una linea circolare bus servita da vetture elettriche e consentirà il raggiungimento delle vie commerciali del Centro connettendo anche Prati e i nodi principali della rete bus con i parcheggi limitrofi. Il servizio sarà attivo tutti i giorni fino al 6 gennaio 2020 (escluse le giornate del 25 e 26 dicembre 2019 e 1° gennaio 2020). L’intensificazione delle linee bus e metro (A e B/B1) riguarderà invece i fine settimana fino al 22 dicembre.

Fotoservizio di Emanuele Valeri