Seguici su

Cerca nel sito

L’Italnuoto conquista 20 medaglie agli Europei e firma il terzo successo per nazioni

6 ori, 7 argenti e 7 bronzi. Prestazione eccellente degli azzurri. Barelli: “Orgogliosi di questi risultati”

Glasgow – L’Italia chiude la 20esima edizione dei Campionati Europei di nuoto in vasca corta col record di medaglie (20; prec. 18 a Eindhoven 2010); cinque atleti diversi d’oro come a Netanya 2015, 9 atlete a medaglia individuali, 30 atleti diversi in finale (17 uomini e 13 donne; 6 più di Netanya), 44 finalisti (5 più di Netanya).

Il tutto si traduce in 6 ori, 7 argenti, 7 bronzi, 47 primati personali con 12 record assoluti e il terzo successo consecutivo nella classifica per nazioni con lo storico record di punti: 1186 (prec. 1099 degli azzurri a Netanya) avanti a Russia (1046) e Gran Bretagna (793).

Paolo Barelli e Gregorio Paltrinieri(foto@deepbluemedia-insidefoto)

Il commento del presidente Paolo Barelli: “Siamo orgogliosi di aver ottenuto questi risultati che sono il frutto del lavoro degli atleti, della professionalità e preparazione dei tecnici, delle sinergie poste in essere con le società e della pianificazione federale. Questi risultati danno seguito al positivo trend della nazionale che dura ormai da parecchi anni e che è sempre più difficile confermare per l’innalzarsi del livello prestativo europeo e mondiale. Ora gli atleti sono attesi dagli assoluti invernali attraverso cui potranno già cominciare a qualificarsi alle Olimpiadi e porre dei riferimenti per la stagione in vasca lunga che sarà difficile, probante fino ai Giochi di Tokyo e piena di appuntamenti importanti, come gli Assoluti Primaverili, i Campionati Europei in vasca lunga e gli Internazionali di Nuoto/Trofeo Sette Colli. In bocca a lupo a tutti”.

Il commento del direttore tecnico Cesare Butini: “Il successo nella classifica per nazioni ci rende orgogliosi. Le 20 medaglie e i 47 primati personali dimostrano la qualità delle prestazioni degli azzurri. Devo fare un elogio a tutte le componenti della nazionale e alle società perché stanno compiendo un ottimo lavoro. Il cammino è ancora lungo poiché ci aspettano sette mesi impegnativi fino alle Olimpiadi di Tokyo, ma la direzione è quella giusta. Abbiamo portato qui una squadra allargata per unire i giovani ai più esperti: un mix che è andato decisamente bene. Non abbiamo avuto controprestazioni; forse le staffette hanno reso leggermente meno, ma sono servite a molti per fare esperienza e non erano al centro del progetto. Il clima nella squadra è ottimo e ciò aiuta a ottenere grandi risultati. Ci sono tutti i presupposti per migliorare ancora. Adesso si pensa agli assoluti di Riccione: prima che chance per conquistare il pass olimpico”.

MEDAGLIERE STORICO DELL’ITALIA

1996 Rostock (Ger) 2 – 2 – 1 = 5

1998 Sheffield (Gbr) 1 – 2 – 1 = 4

1999 Lisbona (Por) 1 – 1 – 2 = 4

2000 Valencia (Esp) 7 – 1 – 1 = 9

2001 Anversa (Bel) 2 – 0 – 1 = 3

2002 Riesa (Ger) 5 – 2 – 2 = 9

2003 Dublino (Irl) 1 – 3 – 3 = 7

2004 Vienna (Aut) 3 – 3 – 2 = 8

2005 Trieste (Ita) 3 – 4 – 6 = 13

2006 Helsinki (Fin) 4 – 3 – 2 = 9

2007 Debrecen (Hun) 2 – 3 – 4 = 9

2008 Rijeka (Cro) 5 – 5 – 8 = 18

2009 Istanbul (Tur) 1 – 3 – 1 = 5

2010 Eindhoven (Ned) 4 – 7 – 7 = 18

2011 Stettino (Pol) 3 – 2 – 4 = 9

2012 Chartres (Fra) 4 – 2 – 3 = 9

2013 Herning (Den) 2 – 4 – 8 = 14

2015 Netanya (Isr) 7 – 5 – 5 = 17

2017 Copenhagen (Den) 5 – 7 – 5 = 17

2019 Glasgow (Gbr) 6 – 7 – 7 = 20

TOT. 68 ori – 66 argenti – 73 bronzi = 207 medaglie

ORI (6)

50 rana fem.

Benedetta Pilato* 29″32 RI

800 stile libero fem.

Simona Quadarella 8’10″30

200 dorso fem.

Margherita Panziera 2’01″45 RI

1500 stile libero mas.

Gregorio Paltrinieri 14’17″14

100 rana fem.

Martina Carraro 1’04″51

400 stile libero fem.

Simona Quadarella 3’59″75

ARGENTI (7)

50 rana fem.

Martina Carraro 29″60

200 farfalla fem.

Ilaria Bianchi 2’04″20 RI

100 rana fem.

Arianna Castiglioni 1’05″01

200 stile libero fem.

Federica Pellegrini 1’52″88

100 stile libero mas.

Alessandro Miressi 45″90 RI

100 farfalla fem.

Elena Di Liddo 56″37

4×50 mista fem.

Italia 1’44″92 RI

con Silvia Scalia 26″60, Benedetta Pilato 29″18, Elena Di Liddo 25″02 e Silvia Di Pietro 24″12

BRONZI (7)

400 misti fem.

Ilaria Cusinato in 4’29″13

400 stile libero mas.

Gabriele Detti in 3’38″06

50 rana mas.

Fabio Scozzoli in 25″84

4×50 stile libero mas.

Italia 1’24″50

Federico Bocchia 21″41, Marco Orsi 21″13, Giovanni Izzo 21″32, Alessandro Miressi 20″64

800 stile libero fem

Martina Caramignoli 8’12″36 pp

100 rana mas.

Fabio Scozzoli 56″55

200 rana fem.

Martina Carraro 2’19″68 RI

PRIMATI PERSONALI (47)

50 rana fem.

Martina Carraro 29″53 in batteria

Benedetta Pilato* 29″32 RI in finale

400 stile libero mas.

Matteo Ciampi 3’38″79 in batteria

Stefano Ballo 3’41″36 in batteria

100 dorso fem.

Costanza Cocconcelli 58″94 in batteria

800 stile libero fem.

Martina Caramignoli 8’14″52 in batteria

Martina Caramignoli 8’12″36 in finale

50 stile libero mas.

Leonardo Deplano 21″71 nelle batterie della 4×50 sl

Leonardo Deplano 21″66 in batteria

Alessandro Miressi 21″31 in batteria

Alessandro Miressi 21″18 in semifinale

Federico Bocchia 21″19 in semifinale

100 dorso fem.

Margherita Panziera 56″57 RI in semifinale

Silvia Scalia 57″51 in semifinale

50 rana mas.

Nicolò Martinenghi 26″01 in finale

200 stile libero mas.

Mattia Zuin 1’44″13 in batteria

Stefano Ballo 1’42″92 in batteria

Stefano Ballo 1’42″33 in finale, migliore prestazione italiana in tessuto

50 farfalla fem.

Elena Di Liddo 25″60 in batteria

Elena Di Liddo 25″37 in finale

100 misti fem.

Costanza Cocconcelli 59″85 in batteria

Costanza Cocconcelli 59″46 RI in semifinale

400 misti mas.

Lorenzo Tarocchi 4’06″87 in finale

100 dorso mas.

Lorenzo Mora =pp 50″58 in semifinale

200 misti mas.

Lorenzo Tarocchi 1’57″67 in batteria

200 dorso fem.

Margherita Panziera 2’01″45 RI in finale

200 farfalla fem.

Ilaria Bianchi 2’04″20 RI in finale

50 farfalla mas.

Thomas Ceccon 23″01 in batteria

Thomas Ceccon 22″88 in semifinale

100 stile libero mas.

Manuel Frigo 48″10 in batteria

Alessandro Miressi 46″03 RI in semifinale

Alessandro Miressi 45″90 RI in finale

200 stile libero fem.

Margherita Panziera 1’55″89 in batteria

Margherita Panziera 1’55″49 in finale

100 misti mas.

Thomas Ceccon 52″62 in batteria

Thomas Ceccon 52″09 in semifinale

Thomas Ceccon 52″03 in finale

50 dorso fem.

Silvia Scalia 26″60 RI in semifinale

Silvia Scalia 26″22 RI in finale

100 rana mas.

Nicolò Martinenghi 56″70 in finale

50 dorso mas.

Lorenzo Mora 23″82 in batteria

Lorenzo Mora 23″56 nella 4×50 mista in batteria

400 stile libero fem.

Martina Caramignoli 4’02″73 in batteria

Simona Quadarella 3’59″75 in finale

200 rana fem.

Martina Carraro 2’19″68 RI in finale

Francesca Fangio 2’19″97 in finale

200 farfalla mas.

Alberto Razzetti 1’52″61 RI in finale

4×50 mista fem.

Italia 1’44″92 RI

con Silvia Scalia 26″60, Benedetta Pilato 29″18, Elena Di Liddo 25″02 e Silvia Di Pietro 24″12

* 50 rana fem.

RMJ di Benedetta Pilato in 29″62 in batteria, 29″48 in semifinale e 29″32 in finale (standard time RMJ 29″84 / standard time REJ 28″81 /prec. pp e RI 29″41)

(Il Faro on line)(foto@Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu – insidefoto.com)

(fonte@federnuoto.it)