Seguici su

Cerca nel sito

Legambiente Lazio esce da “Agenda Tevere”

"Lasciamo Agenda Tevere, non avendo condiviso in alcun modo il percorso che li ha portati all'apertura della cosiddetta spiaggia tiberis lo scorso agosto"

Roma – “La nostra associazione continua come sempre ad impegnarsi con forza sul Tevere, come fa da oltre trent’anni in migliaia di momenti di pulizia, dossier, studi, discese in canoa, battelli di educazione ambientale fino alla proposta di costituzione di Parco Interregionale – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio – lasciamo Agenda Tevere, non avendo condiviso in alcun modo il percorso che li ha portati all’apertura della cosiddetta spiaggia tiberis lo scorso agosto, iniziativa sulla quale la nostra associazione è stata molto critica anche l’anno precedente.

Abbiamo appreso solo dalla stampa del progetto e di quello che è apparso come sostegno incondizionato all’amministrazione comunale di Roma. Agenda Tevere è anche associazione di secondo livello, composta cioè da altre associazioni, delle quali utilizza ed espone nome e immagine in base alle azioni che fa, non più con Legambiente”.

Legambiente Lazio ha inoltrato ufficialmente ad Agenda Tevere la comunicazione di recesso, specificando che, seppur non siano state violate regole formali statutarie, è invece certo che sono venuti a mancare completamente i passaggi di condivisione e comunicazione.

“Per questi motivi non siamo più tra gli associati, – conclude Scacchi – non avevamo chiesto noi di entrare a farne parte e anzi avevamo ricevuto continue richieste per essere tra i fondatori nonostante una nostra iniziale ritrosia. Da oggi non lo saremo più, continuando di certo a esserci invece in tutti i percorsi di Contratto di Fiume che abbiamo sostenuto a partire da quello del Tevere, per il quale abbiamo contribuito in maniera decisiva nella stesura del Manifesto di Intenti”.

(Il Faro online)