Seguici su

Cerca nel sito

“Divertimento sicuro”, a Latina un progetto per valorizzare la zona pub

Saranno installati dei dissuasori sugli accessi di via Neghelli, via Lago Ascianghi e via Cesare Battisti con lavori di circa 300 mila euro che inizieranno a gennaio

Latina – Il 17 dicembre, a partire dalle 17.00 presso il Circolo Cittadino,  verrà presentato ufficialmente a tutta la cittadinanza il progetto di messa in sicurezza e valorizzazione della cosiddetta ‘zona pub’. È il frutto di un percorso condiviso , tra gli altri, con rappresentanze di residenti delle zone interessate e di gestori dei locali commerciali con il coinvolgimento anche del Forum Giovani.

Il progetto finanziato consiste nell’installazione dei dissuasori sugli accessi di via Neghelli, via Lago Ascianghi e via Cesare Battisti con lavori di circa 300 mila euro che inizieranno a gennaio, la cui gara è stata aggiudicata il 13 Novembre scorso.

L’incontro servirà a illustrare il progetto stesso e la proposta di regolamentazione della viabilità che conseguirà alla sua realizzazione ma anche a presentare un questionario che verrà somministrato in date prestabilite ai fruitori della zona e, successivamente, via web attraverso i canali telematici del Comune di Latina.

Servirà a raccogliere proposte di modifica e integrazione ovvero suggerimenti per rendere più fruibile la zona nel rispetto delle varie esigenze che nel quartiere sono da tenere in considerazione, in primis quella  della sicurezza ma anche dell’accessibilità e del decoro.

Soddisfazione viene espressa dalla Vice Sindaco e Assessora alla Sicurezza, Maria Paola Briganti: “Vogliamo continuare sulla strada del percorso partecipato, continuando a raccogliere le istanze dei residenti, degli esercenti e dei fruitori.

Servirà a predisporre, in coerenza con le indicazioni fornite dalle altre istituzioni che si occupano di sicurezza sul territorio, la regolamentazione della convivenza di uno dei quartieri nevralgici della vita della città. Si tratta anche di definire un modello di partecipazione e di risoluzione dei conflitti che può essere replicato, ovviamente con tutte le differenze del caso, in altre zone della città stessa”.

(Il Faro online)