Seguici su

Cerca nel sito

Appalto per il sociale a Fiumicino, Parente (FI): “Lavoratori a rischio”

"Chiedo al Sindaco, in quanto garante della salute dei propri cittadini, di intervenire urgentemente, in prima persona per la tutela dei lavoratori"

Fiumicino – “Trovo inqualificabile quello che sta succedendo ai lavoratori nel cambio dell’appalto del sociale“. Lo afferma il Delegato alla Sanità e Sociale di Forza Italia Fiumicino, Luca Parente.

Che aggiunge: “Mentre una delle due cooperative ha correttamente chiamato tutti i lavoratori (per il colloquio) ed i sindacati della società uscente prima di assumere il personale necessario, l’altra, oltre a non contattarli tutti per motivi indefiniti, non ha convocato il sindacato maggiormente rappresentato (ossia l’Ugl Sanità) e, subito dopo aver sentito gli altri sindacati (firmatari di contratti ma nettamente in minoranza), ha iniziato a chiamare nella serata del 16 dicembre i lavoratori per sottoporgli la firma verosimilmente di un pre-contratto, senza tutela“.

“A questo va aggiunto che resteranno senza lavoro al termine di tutto ciò circa 15 persone (famiglie) in quanto secondo la predetta società non ci sarebbero ore di lavoro per tutti e anche su questo resto molto perplesso. Per quanto riguarda la classe più debole, gli assistiti, mi dispiace constatare (da alcune segnalazioni ricevute) come addirittura ad alcune famiglie di utenti sia stato chiesto di portare il proprio congiunto con disabilità all’interno di un centro sempre diretto dalla medesima cooperativa (anziché continuargli a fornire l’assistenza presso il proprio domicilio)”.

“Fermo restando che assieme ai componenti di Forza Italia Fiumicino monitoreremo ancora la situazione valutando anche la possibilità di dare vita a breve ad una forma civile di contestazione, chiedo al Sindaco, in quanto garante della salute dei propri cittadini, di intervenire urgentemente, in prima persona per la tutela dei lavoratori e degli utenti tutti”, conclude Parente.

(Il Faro online)