Seguici su

Cerca nel sito

Bilancio di Fiumicino, l’Opposizione: “Manovra iniqua, tutte le falle del sistema”

"Ignorate le politiche giovanili e del lavoro, i problemi dell'erosione e dei vincoli. Un fallimento politico"

Fiumicino – “Il bilancio approvato dalla giunta di sinistra rivela tutte le falle di un sistema che non progetta per i cittadini ma che si occupa di ricoprire le voragini esistenti utilizzando al limite tutte le risorse e aumentando la tassazione locale per investire sempre meno, anche a causa dei debiti fuori bilancio. Un’amministrazione che fa cassa utilizzando la riscossione delle multe pagate o già prescritte”. Lo afferma un comunicato congiunto dei consiglieri di opposizione, firmato da Mario Baccini, (Cristiano Popolari), Alessio Coronas (Forza Italia), Stefano Costa (Fratelli d’Italia), Vincenzo D’Intino (Lega), Federica Poggio (Lega), Roberto Severini (Crescere Insieme).

“In particolare – prosegue la nota -, dalle percentuali previsionali di spesa per il triennio 20-22, si evidenziano investimenti nella misura del 3,78% per la sicurezza – su un territorio che nell’anno appena passato è più volte giunto alla ribalta delle cronache nazionali per episodi di vandalismo e microcriminalità diffusa – ; dello 0,58% del bilancio sarà destinato a sport e giovani – si ricorda che a Fiumicino il punto di ritrovo usuale per i ragazzi è il parcheggio di McDonald -; di pari passo con un investimento dello 0,04% il comune si dovrebbe preoccupare delle politiche del lavoro e della formazione professionale, mentre per lo sviluppo e la competitività sono state riservate lo 0,29% delle risorse. Un’amministrazione che non investe sulla formazione, sui giovani e sulla competitività è destinata a fallire sotto il peso del suo bilancio, affogata dai debiti contratti nel passato, anche in campagna elettorale e che lascerà molti mutui.

I problemi reali del territorio sembrano non rientrare affatto nella previsione di questa giunta di sinistra che non vede la vastità dei danni dell’erosione del litorale da Fregene in poi, oppure i problemi dei vincoli di Isola Sacra e del Nord, per cui non vengono investite risorse lasciando una parte importante del comune in balìa di se stesso, o nella migliore delle ipotesi di associazioni di privati. Questi sono solo alcuni dei problemi a cui questo bilancio non dà risposte.

Tutta l’opposizione sarà compatta per contrastare l’iniquità di questa manovra unilaterale a cui non è stato possibile apportare modifiche utili per una ottusa e irresponsabile cecità ammministrativa di questa giunta.

Questo bilancio – conclude il comunicato – è un fallimento politico perché non c’è un piano, non c’è una strategia degna di questo nome. Navighiamo a vista, come se non ci fosse un domani e a farne le spese sono per l’ennesima volta i cittadini che subiranno gli effetti di annunci pubblicitari e aumento delle tasse grazie agli esercizi tecnici di questa amministrazione impresentabile”.